rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Pnrr, 320 milioni ai Comuni per le spese di progettazione: "Contributi da chiedere entro il 15 marzo"

Le risorse serviranno a finanziare la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, l'efficientamento energetico delle scuole, degli edifici pubblici e interventi in strade, ponti e viadotti. Sciarabba (Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno): "Bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare"

Contributi in arrivo ai comuni siciliani, come in tutta Italia, per sostenere le spese di progettazione di opere pubbliche nell'ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Le risorse da assegnare per l'anno 2022 ammontano a 320 milioni di euro e serviranno a finanziare la definizione esecutiva di interventi per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, per la messa in sicurezza e l'efficientamento energetico delle scuole, degli edifici pubblici e del patrimonio dell'ente, nonché la sicurezza di strade, ponti e viadotti. La misura è prevista nel decreto del ministero dell'Interno – Dipartimento per gli affari interni e territoriali - firmato ieri, 1 febbraio 2022, che sarà pubblicato in Gazzetta ufficiale.

"E' una grande opportunità per i comuni siciliani - dice Giuseppe Sciarabba, presidente dell'Agenzia di sviluppo del Mezzogiorno - soprattutto per le amministrazioni con personale non adeguatamente formato in materie così tanto complesse. I sindaci possono presentare domanda di contributo esclusivamente con modalità telematica a partire dal 2 febbraio 2022 ed entro le ore 23:59 del 15 marzo 2022, a pena di decadenza".

Come soggetti attuatori del Pnrr, comuni e città metropolitane amministreranno quasi 50 miliardi di euro per progetti di investimento su transizione digitale ed ecologica, cultura, edilizia pubblica e tanto altro. "I sindaci - continua Sciarabba - saranno i veri protagonisti della sfida del cambiamento. A loro sostegno, ma non solo, il governo nazionale nel maggio scorso ha anche emanato un decreto legge, il numero 77, che tra le altre cose al comma 2 dell'articolo 9 dà la possibilità agli enti locali di avvalersi del supporto tecnico-operativo di società a prevalente partecipazione pubblica al fine di assicurare l'efficace e tempestiva attuazione degli interventi. Gli strumenti ci sono - conclude Sciarabba - adesso bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare senza perdere tempo perché la Sicilia non può permettersi di perdere i fondi del Pnrr, il treno epocale per lo sviluppo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pnrr, 320 milioni ai Comuni per le spese di progettazione: "Contributi da chiedere entro il 15 marzo"

PalermoToday è in caricamento