Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

Il pm Teresi a confronto con gli studenti: "L'omertà di Stato copre fatti indicibili"

I ragazzi dell'istituto Marco Polo hanno incontrato il procuratore antimafia: "Dopo tanti anni non siamo riusciti ad avere una spiegazione completa delle stragi del '92-93"

"I sintomi della mafia si riconoscono grazie alla cultura dell'antimafia, con la determinazione a denunciare e ad essere altro. Oltre al silenzio dei commercianti taglieggiati, vi è anche l'omertà di Stato che copre fatti indicibili che sono i motivi per cui in Italia, ancora dopo tanti anni, non siamo riusciti ad avere una spiegazione completa dei misteri, a partire dalle stragi del terrorismo di destra e di sinistra e a finire alle stragi di mafia del '92-93 e ai tanti omicidi eccellenti". Lo ha detto il procuratore aggiunto di Palermo Vittorio Teresi agli studenti dell'istituto "M. Polo", in un incontro organizzato dall’associazione Pars nell’ambito del progetto “Giovani cittadini attivi e consapevoli”

Ci sono "pagine buie della storia italiana", in cui aleggiano le responsabilità di alcuni rappresentanti delle istituzioni "collusi, che condividono i fini dell'organizzazione mafiosa e che trovano vantaggi politici nell'approcciarla". Il riferimento è al processo in corso a Palermo sulla Trattativa Stato-mafia che vede imputati rappresentanti delle istituzioni e uomini d'onore accusati, a vario titolo, per i fatti risalenti al periodo stragista. Il pm non ha nascosto alla platea di studenti le difficoltà incontrate nel proprio lavoro, ma non vuole che si parli di lui né dei magistrati in genere come di eroi: "Non siamo persone eccezionali, quello che facciamo lo può fare chiunque. Parlare di eroi, e' un alibi morale per chi non si vuole impegnare".

Il magistrato, per spiegare ai giovani le difficoltà degli inquirenti nell’individuare e perseguire eventuali condotte penalmente rilevanti in materia di associazione mafiosa, ha ricordato le sue prime indagini sul racket negli anni ’80, dopo il ritrovamento del libro mastro delle estorsioni a casa del boss Madonia. Allora solo cinque degli esercenti rintracciati dagli investigatori hanno ammesso di essere stati taglieggiati e di aver pagato ‘la messa a posto’. Cominciò, pertanto, a prendere campo la convinzione che non si era davanti ad un comportamento meramente frutto di costrizione e di minaccia, ma a un fenomeno di “convenienza, di connivenza morale, dunque di fiancheggiamento”, come poi denuncerà pubblicamente anche Libero Grassi.

L’incontro, organizzato nell’ambito del finanziamento ‘Giovani protagonisti di sé e del territorio - CreAzioni Giovani’ dell'assessorato Regionale della Famiglia e delle Politiche Sociali, è stato coordinato dalla professoressa Patrizia Mannino, vice-preside e docente di diritto del Marco Polo, e da Giovanni Frazzica, presidente dell’associazione Pars.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pm Teresi a confronto con gli studenti: "L'omertà di Stato copre fatti indicibili"

PalermoToday è in caricamento