La clinica veterinaria San Lorenzo risponde alle critiche

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La clinica Veterinaria San Lorenzo risponde alle critiche a loro rivolte. Ci preme, nostro malgrado, puntualizzare alcuni aspetti della vicenda successa domenica, quando intorno alle 7,30, è stato abbandonato davanti all'ingresso della nostra struttura, un cane maschio, adulto, di razza pitbull. Il cane giaceva in decubito probabilmente prostrato dalla notte trascorsa. Presentava lesioni sugli arti, probabilmente dovuto ad un aggressione. Il cane appariva vigile e non mostrava alterazioni del respiro. Il personale della clinica ha tentato di toglierlo dalla strada e portarlo in struttura per offrire il primo soccorso, ma al primo approccio il cane ha mostrato segni di aggressività sia verso il personale della clinica sia verso alcuni passanti fermatisi per collaborare.

Allora è stata offerta un ciotola d'acqua, anche se con diffidenza, il cane ha seguito il personale all'interno del cortile della clinica. Tuttavia non sono stati possibili altri approcci. Data la situazione si è provveduto ad avvisare le autorità competenti, come da protocollo, in quanto il cane non aveva momentaneamente un proprietario. All'arrivo dell' unità cinofila in cane è stato prelevato e trasportato presso la struttura autorizzata dove è stato sedato, visitato e medicato. All'esame clinico non sono stati riscontrati segni clinici che facessero pensare ad un rischio di vita nelle prossime ore. Si è provveduto quindi a trasferire privatamente l'animale sedato presso un'altra struttura. Il cane era scappato la scorsa notte da un'abitazione privata ed il proprietario domani provvederà a prelevarlo.

Con questo messaggio vogliamo fare chiarezza sul reale sviluppo degli eventi. Siamo profondamente delusi della gogna mediatica a cui siamo sottoposti in questo momento. Chi usufruisce dei nostri servizi sa perfettamente la passione e l'amore che dedichiamo verso la nostra professione e verso i nostri pazienti. Invitiamo quanti pensino di sapere meglio dei testimoni presenti, interni ed estranei alla clinica, ad astenersi da ogni tipo di commento e\o processo mediatico, in quanto, una volta escluso il pericolo di morte imminente per il povero cagnolino, adesso la struttura provvederà a salvaguardare la propria immagine nei modi e nei luoghi previsti dalla legge. 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento