Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Il Comune punta ancora sulle piste ciclabili: in 6 mesi restyling di quelle esistenti e nuovi percorsi

L'Amministrazione vuole raggiungere quota 60 km complessivi entro dicembre. I nuovi assi copriranno da viale Praga a via principe di Villafranca e da viale Michelangelo a via Imperatore Federico. C'è poi il progetto "Go to school" con anche nuove ciclostazioni per la condivisione di bici biposto

Oltre tredici chilometri di nuove piste ciclabili e la manutenzione dei percorsi già esitenti (48 chilometri). Tutto da realizzare in sei mesi. Il Comune scommette ancora sulla mobilità sostenibile. I progetti rientrano nell'ambito delle iniziative di "Palermo SiCura" e sono stati presentati alla stampa dal sindaco Leoluca Orlando, dall'assessore all'ambiente Giusto Catania, dal presidente dell'Amat Michele Cimino e da Domenico Caminiti, dirigente dei Servizi Speciali per la Mobilità. Si tratta di un piano in divenire, che vedrà anche il coinvolgimento della neonata Consulta delle Biciclette e che è stato formalizzato ieri con l'approvazione di un'apposita delibera in Giunta.

La manutenzione, nei piani dell'Amministrazione, avverrà secondo un cronoprogramma già stabilito nell'arco di tempo 15 giugno-7 settembre. Si interverrà in diverse con segnaletica orizzontale di margine bianca e gialla, pittogrammi e frecce di direzione ogni 15 metri e attraversamenti ciclabili in corrispondenza delle intersezioni. "Alcune piste ciclabili sono separate dalla sede stradale ma non sono abbastanza visibili, non sono percepibili", ha spiegato l'assessore Catania. I fondi per i lavori sono comunali, mentre 65 mila euro andranno alla ditta Sias che supporterà il Comune.

Tre le azioni su cui punta il Comune per i nuovi percorsi. Una pista coprirà l'asse Nord-Sud (da viale Praga a via principe di Villafranca per un totale di 3 chilometri e 800 metri. I lavori sono previsti dall'1 luglio al 30 settembre. Poi c'è l'asse monti-mare per 3 chilometri e 500 metri (da viale Michelangelo a via Imperatore Federico, tratto compreso tra piazza Don Bosco e via della Favorita). Lavori in calendario dall'1 ottobre al 13 novembre. Ci sono infine i percorsi ciclabili per circa sei chilometri del progetto "Go to school" finanziato dal Pon metro per un importo pari a un milione di euro per promuovere gli spostamenti casa-scuola. Si prevede la realizzazione di una rete secondaria di percorsi ciclabili di connessione con le piste già esistenti e il posizionamento di nuove ciclostazioni per la condivisione di biciclette biposto. Sono stati coinvolti nel progetto quattro istituti scolastici (pilota): il Pio La Torre, il Ninni Cassarà, l'Iti Vittorio Emanuele e il liceo scientifico Einstein.

"La nostra è una scelta ideologica e culturale chiara - ha detto Orlando -. Il progetto parla di mobilità che non può essere soltanto virtuale e digitale, ma anche quella fisica. Abbiamo fatto una scelta sul ferrato e sul gommato a due ruote".

"Investire sulla mobilità sostenibile, attraverso l'individuazione di nuovi spazi destinati alla ciclabilità - ha sottolineato Catania - è una scelta che contribuisce a rendere più vivibile la nostra città. Un contributo alla costruzione della città ecologica. Intendiamo proseguire nella scelta strategica di sottrarre porzioni di carreggiata alle automobili per destinarle ai pedoni e ai ciclisti. La tutela dell'ambiente e il miglioramento della qualità dell'aria sono scelte che tutelano i cittadini più fragili, sia dal punto di vista sanitario che economico, e anche per questa ragione stiamo investendo per rendere sicuri i percorsi ciclabili di Palermo Il nostro è un piano a medio termine e già stiamo progettando le attività per il 2021”.

"Comune e Amat - ha detto Cimino - possono rappresentare le vere leve per la ripresa economica della nostra comunità dopo il Coronavirus. Per questo noi di Amat non ci siamo mai fermati e continuiamo a lavorare per potenziare i nostri investimenti e migliorare la qualità del servizio".

I nuovi percorsi

L'Asse Nord/Sud include: viale Praga; via Ausonia (via Praga-via De Gasperi); via Ausonia (via De Gasperivia Emilia); viale Emilia; viale Campania (via Emilia-viale Lazio); viale Piemonte; via B. Giuliano; via G. Leopardi; via P. Mattarella (via Notarbartolo-via Almeyda); via P.Mattarella (via Almeydavia C. Nigra) in promiscuo sul marciapiede; via P.pe di Villafranca (via Caltanissetta-via Dante). 

L'asse Monti-Mare include: viale Michelangelo (tratto compreso tra via F. Paladini e via G.L. Bernini); viale Michelangelo (tratto compreso tra via G.L. Bernini e via Santuario Cruillas; viale Lazio (tratto compreso tra via Aspromonte e viale Campania); via Generale A. Di Giorgio; via Imperatore Federico (tratto compreso tra piazza Don Bosco e via della Favorita).

Go to school

Il progetto che ha come riferimento l'istituto La Torre prevede il posizionamento di ciclostazioni in Mulini alla Zisa e via M. Piazza. 

Il progetto che si riferisce al liceo Einstein prevede il posizionamento di ciclostazioni in via Cilea (angolo via Zandonai); via Campolo (angolo via Pacinotti); e una presso il liceo. Esiste già una ciclostazione in Largo lavagnini e via Terrasanta.

L'Iti Vittorio Emanuele III si trova in via Duca della Verdura dove è già presente la corsia riservata al Trasporto pubblico locale ed è consentito in promiscuo il transito alle biciclette. Tale corsia si connette con la pista ciclabile di piazza Giachery e con quella di via Notarbartolo. L’istituto Cassarà di via Don Orione è invece servito dalla pista ciclabile che si snoda dalla via Rizzo a via Don Orione e prosegue lungo la via dell’Arsenale e raggiunge il nodo Giachery. Saranno previsti in entrambi gli Istituti due ciclo stazioni a servizio degli studenti e del personale scolastico.

Il cronoprogramma

Articolo aggiornato il 13 giugno 2020 alle ore 15.26

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune punta ancora sulle piste ciclabili: in 6 mesi restyling di quelle esistenti e nuovi percorsi

PalermoToday è in caricamento