menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Condannato al carcere per due rapine, fugge da comunità ma polizia lo becca nel centro storico: arrestato

Sono scattate le manette per un ragazzo di 24 anni. Era ricercato da agosto, quando era fuggito da una comunità di Salemi dove scontava i domiciliari. Poi il giudice ha disposto il trasferimento in cella ma si è reso irreperibile. Individuato durante un controllo sul rispetto dei decreti anti Coronavirus

E' finita nel centro storico, in piazzetta Porcelli, la latitanza di Giuseppe Stemma, palermitano di 24 anni. Condannato al carcere per due rapine, era irreperibile da agosto. La polizia lo ha fermato nell'ambito dei controlli effettuati per il rispetto dei decreti anti Coronavirus.

Stemma scontava i domiciliari in una comunità di Salemi (Tp) per una rapina commessa in un'agenzia del Credito Siciliano di Trapani. A suo carico però era stata emessa un'ordinanza di aggravamento della pena perchè riconosciuto colpevole di un colpo ai danni di un ufficio postale di Trabia. Era quindi scappato rendendosi irreperibile. 

Ad arrestarlo sono stati i poliziotti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico che transitando da piazza Montegrappa hanno notato nella vicina piazzetta Porcelli, tre persone che parlavano non mantenendo alcuna distanza di sicurezza e non rispettando le norme anti Covid-19. Uno dei tre era sprovvisto di documenti e sono scattati i controlli. Da qui l'identificazione e l'arresto di Stemma. Adesso si trova al Pagliarelli.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento