Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Malaspina / Piazza Ottavio Ziino

Collettivo femminista contro l'assessore Razza: "Ieri spalmavi i morti, oggi ti scandalizzano gli aborti"

Iniziativa del Collettivo Medusa: "Il tasso di obiezione di coscienza tra i ginecologi in Sicilia sfiora l’83%, in diversi comuni arriva al 100%. In tutta la Regione sono solo 12 i punti in cui è possibile abortire. Affermare che in Sicilia non vi sia una situazione emergenziale è da folli"

"Ieri spalmavi i morti, oggi ti scandalizzano gli aborti". E' quanto si legge nello striscione comparso nell notte all'esterno dell’assessorato alla Salute della Regione, in piazza Ziino. L'iniziativa è delle studentesse del neonato Collettivo Medusa che rispondono così all'assessore Razza, per il quale "in Sicilia non esistono situazioni molto diverse dalle altre regioni italiane".

Le studentesse ribattono: "Il tasso di obiezione di coscienza tra i ginecologi in Sicilia sfiora l’83%, in diversi comuni arriva al 100%. In tutta la Regione sono solo 12 i punti in cui è possibile abortire. Affermare che in Sicilia non vi sia una situazione emergenziale è da folli, ed è assolutamente funzionale a non muovere un dito per cambiare la situazione". 

"Le dichiarazioni dell’assessore non terminano qui. Razza - riportano le studentesse - ha anche espresso un giudizio morale sull’aborto: 'Detto questo penso che ogni aborto che non sia dettato da ragioni di salute è una sconfitta per la comunità'". Parole che vengono definite "inaccettabili" dal collettivo Medusa: "La vera sconfitta per la comunità è che un assessore alla Salute, invece di pensare a garantire un servizio sanitario alle cittadine, pensa di dover dispensare giudizi morali sui nostri corpi e sulle nostre scelte. Ma con quale coraggio poi? Ricordiamo che qualche mese fa Razza era stato costretto a dimettersi perché diceva al telefono di voler 'spalmare i morti' per evitare la zona rossa. L’assessore Razza ci concede il perdono morale solo in casi di salute; forse dimentica che in Sicilia i tassi di disoccupazione femminile sono i più alti d’Europa, forse dimentica che l’accesso alla contraccezione – che dovrebbe essere gratuita secondo la legge 194 – è un diritto di pochi, per non parlare dell’educazione sessuale inesistente nelle scuole. La dichiarazione di Razza è l’ennesimo esempio di un sistema patriarcale arroccato nei palazzi del potere, che ci relega a una maternità forzata e che pensa di poter imporre scelte sui nostri corpi. Lo avevamo già individuato come nemico dei siciliani, ora lo decretiamo nemico delle donne".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collettivo femminista contro l'assessore Razza: "Ieri spalmavi i morti, oggi ti scandalizzano gli aborti"

PalermoToday è in caricamento