Laureati in Psicologia, Farmacia e Biologia in piazza: "Abilitazione diventi diretta dopo il tirocinio"

La protesta a pochi passi dal teatro Massimo. La delegazione palermitana è parte dei circa settemila laureati, che si sono raccolti in un comitato per far valere le loro istanze al Governo

Giovani laureati in Psicologia, Farmacia e Biologia sono scesi in piazza stamani in piazza Verdi per chiedere, così come fatto per i medici tramite il dl "Cura Italia" di marzo, "che l'esame di Stato previsto per l'accesso alle rispettive professioni venga tramutato nel riconoscimento del tirocinio svolto, nel pieno rispetto delle norme vigenti e considerando che si tratta di professioni sanitarie, ben consapevoli che l’abolizione degli esami di abilitazione risulterebbe anticostituzionale". La delegazione palermitana è parte dei circa settemila laureati, che si sono raccolti in un comitato per far valere le loro istanze al Governo.

"Non ci sentiamo minimamente tutelati dalle Istituzioni che dovrebbero rappresentarci - si legge in una nota delle rete di laureati in Psicologia, Farmacia e Biologia - primo tra tutte il Miur che in questi mesi di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di Covid-19 ha più volte modificato le indicazioni per gli esami di Stato senza tuttavia considerare la nostra opinione in merito. In particolare, il 29 aprile scorso è stato approvato e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM n. 57/2020 che trasforma l’esame di Stato di abilitazione all’esercizio delle nostre professioni, per la prima sessione dell’anno 2020, in un’unica prova orale svolta con modalità a distanza omnicomprensiva di tutte le materie previste nell’esame di stato canonico. Nel bando pubblicato dalle Università intanto emergono particolari quali che durante il colloquio d’esame, spetterà alle commissioni esaminatrici valutare l'eventuale bocciatura del candidato, se ci saranno interruzioni nella connessione".

I laureati si dicono "pronti a intraprendere ricorsi legali in quanto un esame che normalmente si svolge in più di 3 mesi con prove intervallate da finestre temporali di più settimane adesso viene accorpato e svolto in un colloquio telematico di cui non conosciamo modalità, criteri di valutazione, durata né tempi. Un colloquio telematico che viene a costare a noi candidati in alcune sedi universitarie oltre i 400 euro, in un momento di totale crisi economica. Ci sentiamo presi in giro dalla politica e non considerati da chi dovrebbe rappresentarci".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento