Cronaca Piazza verdi Teatro Massimo

Chiosco di fiori "scomparso" in piazza Verdi, i titolari: "Aiutateci a capire perchè"

La famiglia Calaiò, da 65 anni, gestisce la rivendita. Qualcuno ha portato via gli espositori, "ma - dice a Palermo Today Maria, la figlia del titolare - non siamo stati avvisati. Non sappiamo cosa è successo, se un furto o un problema amministrativo. Noi abbiamo tutte le licenze"

piazza Verdi

Vedere la propria attività commerciale sparire di punto in bianco, senza un perchè; raggiungere il proprio posto di lavoro e non trovarlo, nel senso letterale del termine. E' quello che è successo alla famiglia Calaiò, che dagli anni '50 gestisce la rivendita di fiori in piazza Verdi, a pochi passi dal teatro Massimo. Il chiosco da alcuni giorni è come sparito nel nulla. 

Si tratta di un'attività ormai storica, alla quale Benito Calaiò si dedica da 65 anni. Ogni mattina, stessa ora, stesso posto, da quando aveva otto anni. Prima come "garzone", poi come titolare. Da alcuni giorni però l'anziano è ricoverato perchè è stato sottoposto a un intervento e a fare l'amara scoperta è stata figlia Maria. "Mercoledì  - racconta a Palermo Today - sono andata al chiosco ed era sparito. Non esiste più nulla: niente rastrelliere e niente oggetti personali. Tutto svanito. Ho chiesto in giro e nessuno ha saputo darmi una spiegazione. A mio padre non ho detto nulla perchè ho paura della sua reazione: come posso dire a un uomo appena operato che l'attività di tutta la vita non esiste più? Non abbiamo idea - spiega - di cosa sia successo. Se si è trattato di un furto o di un problema amministrativo".

"Un passante ha scattato una foto e si vede un mezzo che porta via tutto, ma non abbiamo idea di chi sia. In questi giorni - aggiunge Maria Calaiò - sono stata alla Rap e in altri uffici comunali, ma nessuno mi ha dato una risposta. Mio padre ha tutte le licenze, ho ritirato copia della documentazione al caf. Quindi non capisco cosa sia successo, se abbiamo sbagliato in qualcosa. Se si tratta di un problema burocratico, perchè fare sparire tutto senza avvisarci?".

"Mio padre  - conclude la donna - aveva otto anni quando ha iniziato a fare il fioraio, quindi a oggi sono 65 anni di attività in piazza Giuseppe Verdi e in poche ore anno portato via tutta la sua vita. Per lui questo posto è tutto. Se dai vari uffici non avremo notizie, non ci resterà che fare la denuncia. Speriamo solo di capire cosa è successo, di avere delle risposte".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiosco di fiori "scomparso" in piazza Verdi, i titolari: "Aiutateci a capire perchè"

PalermoToday è in caricamento