rotate-mobile
Cronaca Tribunali-Castellammare / Piazza San Domenico

In centinaia a favore dell'isola pedonale, attimi di tensione in piazza San Domenico

L'iniziativa nata sul web per "riappropriarsi" della piazza dopo la devastazione di questa mattina. Intervenuta la polizia a fianco degli assessori. Bazzi: "Non dialogheremo con i responsabili dello scempio". I commercianti: "Non siamo noi i responsabili"

Attimi di nervosismo fra le due fazioni opposte, commercianti da una parte e cittadini dall'altra, che si sono "incontrate" a piazza San Domenico, ognuna con le proprie ragioni. Tutto ha avuto inizio quando un folto gruppo di persone, circa cinquecento, ha invaso la piazza per ripristinare l'area pedonale devastata questa mattina alle nove. Sul posto sono intervenute le forze dell'ordine, pronte a contenere eventuali sviluppi violenti, e gli assessori Giusto Catania, Tullio Giuffrè, Giuseppe Giambrone ed Agata Bazzi. A lavoro anche gli operai comunali che hanno rimesso in ordine la piazza.

Se da una parte c'erano i cittadini, armati esclusivamente di buona volontà, dall'altra c'erano i commercianti, offesi per le "informazioni errate che erano circolate questa mattina". "La piazza può anche essere chiusa, noi chiediamo all'amministrazione - spiega Tullio Marceca, titolare di una gioielleria della zona - di mantenere la viabilità per permettere alla gente di passare con le auto per andare nei negozi. Non vogliamo che parcheggino. Dal 2 luglio abbiamo registrato un grosso calo d'affluenza e di vendite (VIDEO)  e sulla devastazione di questa mattina - spiega -. Noi non c'entriamo nulla. Che vadano a vedere le registrazioni delle telecamere, sarà stato qualche ragazzino. Da quando è stata aperta l'area pedonale, piantonata solo durante la giornata, la piazza è diventata nella notte posto di ritrovo per barboni e drogati. Recentemente sono stato a Pisa. Lì il centro storico è chiuso, ma a ridosso ci sono dei parcheggi privati infiniti".

"Riappropriamoci di piazza San Domenico" - foto Campolo

Di parere opposto coloro che sono giunti in piazza per dare una sistemata. "Questa mattina mi sono reso conto dell'accaduto tramite le immagini su internet - spiega Marco D'Amico - e ho aderito all'iniziativa. Quando sono arrivato ho visto esclusivamente i commercianti protestare. Fortunatamente il sindaco è stato chiaro e ha detto che la piazza non verrà riaperta al traffico. Non avrebbe neanche senso permettere il transito. Ma i problemi da tirare in ballo sono tanti. Innanzitutto il palermitano andrebbe educato, perché è impensabile che si debba sempre parcheggiare di fronte ai negozi. Non è uno scandalo fare due passi a piedi. Poi l'amministrazione si dovrebbe attrezzare per risolvere il problema della viabilità e quella del parcheggio".

Piazza San Domenico vandalizzata - foto Campolo

Ma secondo il comune le soluzioni sono a portata di mano. "Basterebbe andare a Castello San Pietro, dove ci sono almeno 1.000 parcheggi - spiega l'assessore al Centro Storico Agata Bazzi - Questa 'manifestazione' dimostra quanto i palermitani tengano alla propria città. Ascolteremo le ragioni di tutti, ovviamente anche dei commercianti ma non prenderemo assolutamente in considerazione la proposta di permettere il transito delle auto. Se la piazza è chiusa, è chiusa. Le forze dell'ordine hanno preso i nominativi di tutti coloro i quali si sono resi responsabili della protesta di questa mattina. Non abbiamo la minima intenzione di dialogare con le persone che sono state per questo motivo segnalate".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In centinaia a favore dell'isola pedonale, attimi di tensione in piazza San Domenico

PalermoToday è in caricamento