La proposta: "Sostituire piazza 4 novembre con 'piazza Regina Pacis'"

Zona viale Lazio, la Consulta per la pace chiede di sostituire la denominazione: il portavoce sottolinea che la richiesta è stata presentata in commissione toponomastica dal consigliere Valentina Chinnici e, in ottava circoscrizione, dal vicepresidente Marcello Longo

"Come presidente della Consulta per la pace, trasmetto e faccio mio, l'appello promosso dalle nostre associazioni firmatarie per sostituire la denominazione di piazza 4 novembre con Regina Pacis, così come si chiama la parrocchia della stessa piazza (nella zona di viale Lazio)". Lo dichiara Francesco Lo Cascio, portavoce della Consulta per la pace, che sottolinea anche che la proposta è stata presentata in commissione toponomastica dalla consigliera Valentina Chinnici e, in ottava circoscrizione, dal vicepresidente Marcello Longo.

“Le associazioni, in occasione della ricorrenza del 4 novembre, 'non festa ma lutto', nel ricordo dei 10 milioni di morti e 21 milioni di feriti della prima guerra mondiale, definita da Papa Benedetto XV 'inutile strage', ritenendo un ossimoro la titolazione della Chiesa Regina Pacis in piazza 4 novembre, propongono di sostituire la denominazione di piazza “4 novembre“, con “regina Pacis”". Regina Pacis fu l’ultima giaculatorie (una breve preghiera non liturgica della tradizione popolare cristiana) inserita nelle litanie lauretane dallo stesso Papa Benedetto XV, "quale auspicio di pace contro la follia e la violenza degli Stati e gli interessi di quanti lucrano dalla produzione bellica, allora come oggi". Ecco le associazioni: Mir Palermo, Pax Christi, Punto Pace Palermo-Catania, Azione Cattolica diocesana Palermo, Acli Palermo, Erripa, Anpi Palermo, Italian Peace Research Institute (Ipri), Pro.Vi.De - Regina della Pace".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento