rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Lavoro

Sportelli virtuali sul sito del Comune per aiutare le donne in cerca di occupazione

La piattaforma, realizzata da Sispi e promossa dall'assessorato al Lavoro, fornirà aiuti concreti attraverso diversi strumenti: dalle consulenze per preparare al meglio un colloquio o un curriculum a quelle per avviare da zero un'impresa artigiana

Un aiuto in più per le donne in cerca di occupazione o intenzionate a migliorare la propria preparazione professionale in vista dell'ingresso nel mondo del lavoro. È online sul portale 'Lavoro' del Comune di Palermo la nuova piattaforma gratuita per la diffusione di informazioni e notizie sulle iniziative promosse dall'assessorato guidato da Giovanna Marano per supportare progetti di autoimpiego, imprenditoriali, di reinserimento lavorativo delle donne, nonché per il contrasto degli stereotipi di genere in ambito lavorativo. L'iniziativa, frutto di un lavoro sinergico e condiviso tra varie organizzazioni sindacali, associazioni datoriali e l'assessorato al Lavoro, alla scuola e alla parità di genere del Comune, permetterà alle donne di ricevere informazioni, consulenze e un sostegno concreto per orientarsi nel mercato del lavoro: dallo sportello per preparare al meglio un colloquio o un curriculum, a quello per avviare da zero un'impresa artigiana.

La piattaforma, con sei sportelli ognuna per esigenze diverse, è stata presentata questa mattina nella sede della Sispi, società partecipata del Comune che ha realizzato il sistema, alla presenza, oltre che di Marano, anche del sindaco, Leoluca Orlando, del presidente di Sispi, Cesare Lapiana, e di tutte le esponenti delle realtà che, dalla primavera del 2021, hanno animato un gruppo di lavoro eterogeneo ma unito da unico obiettivo: migliorare la condizione occupazionale delle donne nel territorio palermitano. Gruppo che lo scorso luglio, dopo un incontro con Valeria Fedeli, senatrice e componente della commissione Lavoro, e Linda Laura Sabbadini, dirigente generale del dipartimento Statistica dell'Istat, ha promosso il Manifesto per l'occupazione femminile a Palermo: da Sicindustria alla Cgil, passando per la Uil, la Cisl, Confartigianato, Confcommercio, la Fondazione Its Nuove tecnologie della vita A. Volta, Cidec, Assoimpresa, Casartigiani e Agci Sicilia.

"Stiamo rendendo la città di Palermo protagonista delle politiche attive del mercato del lavoro - ha affermato Orlando -, il sistema che presentiamo oggi è un atto concreto che va nella direzione della parità di genere. Uno strumento per combattere la diseguaglianza che esiste fra uomini e donne nel mercato del lavoro". Sulla stesa lunghezza d'onda Marano: "Un progetto preziosissimo - ha affermato l'assessore al lavoro - perché nasce da un fronte coeso di donne che vogliono combattere la disparità che esiste ancora oggi in questo settore. Siamo passati dal manifesto di valori condivisi a un segnale concreto per le tante donne che nell'area palermitana non trovano occupazione. I nostri dati - ha aggiunto - ci dicono che il tasso di inattività delle donne nel Palermitano è più del doppio rispetto all'area di Milano". Grazie ai sei sportelli telematici il Comune avrà la possibilità di creare una banca dati utile a incrociare domanda e offerta di lavoro: "Una forma di esperimento sociale tra parti che talvolta sono anche in conflitto - ha concluso Marano - e che invece in quest'ambito dialogano proficuamente". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sportelli virtuali sul sito del Comune per aiutare le donne in cerca di occupazione

PalermoToday è in caricamento