Otto milioni di euro per infanzia e adolescenza: "Potenzieremo molti servizi"

Il Comune ha siglato un piano con Prefettura, Centro per la giustizia minorile, Ufficio di servizio sociale per i minori, Ufficio scolastico regionale e Asp. Previsti interventi a sostegno dei giovani a rischio di devianza e l’istituzione di un centro per i tutori dei minori stranieri

Più di otto milioni per rilanciare le politiche per l’infanzia e l’adolescenza e supportare le famiglie in difficoltà. A tanto ammontano gli investimenti del Piano, siglato tra il Comune, la Prefettura, il Centro per la giustizia minorile, l'Ufficio di servizio sociale per i minori, l’Ufficio scolastico regionale e l’Asp,  presentato questa mattina a Villa Niscemi. Questo significa che, il prossimo anno, verranno potenziati molti servizi. Tra questi il sostegno psicologico a minori in affido e alle famiglie affidatarie che favorisce l’adattamento del minore al nuovo contesto familiare e sociale, consentendo alla famiglie affidatarie la comprensione dell’esperienza di cambiamento vissuta sia dal bambino che dalla famiglia stessa.

Ma la lista è molto più estesa. Prevede l'aumento delle azioni di contrasto alla Povertà educativa attraverso l’attivazione di laboratori, visite museali, spettacoli teatrali e cinematografici che hanno lo scopo di avvicinare i minori alla cultura ma anche uno spazio sovracircoscrizionale transculturale per minori stranieri con problemi sanitari finalizzato alla risoluzione delle problematiche incontrate nello svolgimento della vita quotidiana, interventi a sostegno degli adolescenti a rischio di devianza e l’istituzione di un centro di sostegno e facilitazione per i tutori che vogliono prendere in carico ragazzi/e stranieri non accompagnati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questo accordo - afferma il sindaco Leoluca Orlando – è il modo migliore per Palermo di passare da Capitale dei giovani a Capitale della cultura e nello stesso tempo per far crescere la Città educativa che trova nell’infanzia e nell’adolescenza il suo punto di forza. I trenta interventi previsti per il prossimo anno cambieranno i servizi resi. Appunto, all’infanzia e all’adolescenza che di fatto confermano il netto cambiamento di questa città sempre con maggiore attenzione per i giovani”. "Il piano -  afferma l'assessore alla Cittadinanza Solidale Giuseppe Mattina - è stato costruito con il coinvolgimento di tutte le istituzioni e del terzo settore e prevede l'attuazione di azioni di prevenzione, di protezione e di partecipazione. Ulteriore strumento per costruire comunità e dare risposte all'inclusione e alla promozione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • Maltempo in arrivo: temporali e rischio grandine, scatta l'allerta meteo

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento