Salute, un piano regionale per prevenire l'ictus nei pazienti con fibrillazione atriale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Sarà presentato domani, 19 maggio, alle 9 a Palermo nella “Sala Mattarella” di Palazzo dei Normanni il “Percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la prevenzione del rischio di ictus nel paziente con fibrillazione atriale”. Alla presentazione del documento regionale di particolare rilievo sarà la presenza del professor Fausto Pinto presidente della Società Europea di Cardiologia (ESC). Alla tavola rotonda “Qualità e sostenibilità” interverrà anche l’assessore alla Salute della Regione Siciliana Baldo Gucciardi. La fibrillazione atriale (FA) è la più comune aritmia cardiaca e la sua prevalenza è destinata ad aumentare con il progressivo invecchiamento della popolazione generale e, secondo le previsioni, ciò comporterà il raddoppiamento dei pazienti con FA entro il 2050. In Europa ogni anno ci sono circa 2 milioni di ictus e di questi circa il 20% sono da attribuire alla FA. Si stima che la FA aumenti di circa 5 volte il rischio di Ictus. Inoltre circa il 50% degli Ictus associati alla FA sono fatali entro un anno, e la restante percentuale di pazienti rimane spesso gravemente disabile. Questo dato assume una maggiore rilevanza soprattutto se si prende in considerazione l’impatto clinico, socio-assistenziale ed economico della patologia. La maggioranza dei pazienti è asintomatica e il riscontro di FA è occasionale. In alcuni pazienti può manifestarsi con sintomi minori (palpitazioni) mentre in altri la prima manifestazione può essere direttamente una complicanza della FA come l’ictus ischemico. Nonostante queste premesse, ancora oggi sono molti i pazienti con FA che non attuano un’ottimale terapia preventiva di questa grave complicanza con severa compromissione della qualità della vita e conseguente incremento dei costi sanitari. Allo scopo di ottimizzare gli aspetti assistenziali e terapeutici relativi alla prevenzione del rischio di ictus nel paziente con fibrillazione atriale, è stato elaborato un percorso diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) regionale volto a migliorare la compliance alla terapia e l’aderenza alle linee guida nazionali ed internazionali. L’obiettivo del PDTA è definire un percorso concreto che guidi la presa in carico del paziente con FA a rischio di ictus migliorando gli outcome clinici e l’efficienza dei vari processi assistenziali.

Torna su
PalermoToday è in caricamento