Petralia Soprana, in arrivo progetto per il recupero del centro abitato

Finanziato e messo in gara primo intervento di consolidamento. A raccogliere l'allarme è stato l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce

Una incompiuta che ha il sapore della doppia beffa. Si tratta della panoramica Petralia Soprana-Madonnuzza, i cui lavori si protrassero dal 1987 al 1991 per poi interrompersi bruscamente a causa del fallimento dell'impresa che li stava eseguendo. Fu da allora che gli scavi rimasti senza seguito, oltre a negare al Comune del Palermitano che ricade nel Parco delle Madonie una strada che avrebbe dovuto avere un forte impatto sotto il profilo turistico oltre che funzionale, innescarono una serie di fenomeni erosivi sia alla base che a monte del pendio, proprio in corrispondenza di un movimento franoso.

Pioggia e neve hanno negli anni letteralmente sgretolato il versante sud ovest del paese fino a mettere a rischio la stabilità di diverse abitazioni e, più in generale, dell'intero costone roccioso su cui sorge anche la monumentale chiesa della Madonna del Loreto di grande pregio architettonico. A raccogliere l'allarme è stato l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e diretto da Maurizio Croce, che ha già finanziato e messo in gara la progettazione di un primo intervento di consolidamento. Le domande potranno essere presentate fino al prossimo 3 marzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sarà necessario ripristinare l'originaria pendenza dell'estradosso del pendio, lungo l'intero costone, e impedire così l'insorgere di smottamenti e di scivolamenti dei terreni verso valle. I plinti di fondazione dei piloni del viadotto,attualmente esposti all'azione disgregatrice del ghiaccio, dovranno essere interrati. Nel loro complesso, tutte le opere da realizzare serviranno ad arrestare definitivamente quelle spinte del suolo che,in caso contrario, potrebbero alla lunga produrre effetti devastanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

  • Incidente in autostrada, si ribalta un tir a Carini: lunghe code

Torna su
PalermoToday è in caricamento