Petralia Soprana è "cardioprotetta", donati due defibrillatori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Petralia Soprana è cardioprotetta. Collocati due defibrillatori nei centri nevralgici del paese grazie alla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana che ha donato i due strumenti salva vita. Le teche con i defibrillatori sono state collocate presso le sedi della banca e cioè nella centralissima piazza del Popolo del centro storico e presso il bivio Madonnuzza. Due presidi che consentiranno, nella speranza non ce ne sia mai bisogno, di garantire un intervento immediato in attesa dell'arrivo del 118.  La posa dei defibrillatori da parte dei vertici della Banca, il presidente Stefano Farinella e il vice presidente Croce Scelfo è avvenuta alla presenza dei cittadini, del sindaco Pietro Macaluso, del suo vice Francesco Gennaro e di altri amministratori.  Alla fine della cerimonia sono stati anche consegnati, dal Presidente della Bcc, gli attestati di partecipazione al corso di formazione, patrocinato dalla stessa banca, “BLS D. Full per la rianimazione cardiopolmonare - adulto e pediatrico”, che ha istruito vari cittadini di Petralia Soprana all’utilizzo dei defibrillatori.

“Chi viene in vacanza a Petralia Soprana – hanno evidenziato Macaluso e Gennaro - deve sentirsi in un paese sicuro. Tutti i cittadini devono sentirsi protetti. Ringraziamo la Bcc San Giuseppe per questa donazione che ci consente di prevenire un pericolo che può essere sempre dietro l’angolo”.

L’impegno della Banca nel diffondere la cultura della prevenzione è continuo – ha detto l’avvocato Stefano Farinella. Il nostro istituto di credito è nato nel territorio per il territorio e questo vuole essere un segnale tangibile della nostra presenza a fianco dei cittadini e delle Amministrazioni Comunali".  

Le teche con i defibrillatori sono vigilate da un impianto di videosorveglianza e dotate di allarme anti-furto.

Torna su
PalermoToday è in caricamento