rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Politeama

"Diciassettenne pestato durante un controllo", la Procura chiede la condanna di 4 poliziotti

Il ragazzo sarebbe stato colpito con pugni e calci da uno degli agenti dopo essere stato fermato di notte al Borgo Vecchio. Si era ritrovato con il naso rotto, lividi e un mese di prognosi. Uno degli imputati risponde delle lesioni, gli altri tre secondo l'accusa avrebbero invece falsificato la relazione di servizio per "coprirlo"

Sarebbe stato pestato senza alcun motivo da un poliziotto durante un "normale" controllo e si era ritrovato, ad appena 17 anni, con il naso rotto, lividi e un mese di prognosi. Per la vicenda, che risale alla notte del 10 febbraio del 2018, la Procura nelle scorse settimane ha chiesto la condanna dell'agente Salvatore Bianco (che in passato era anche finito ai domiciliari con l'accusa di lesioni) e di altri tre suoi colleghi che sarebbero intervenuti quella notte e che rispondono invece di falso ed omessa decnuncia perché avrebbero modificato la relazione di servizio e non avrebbero segnalato l'accaduto.

Nello specifico, il procuratore aggiunto Sergio Demontis ed il sostituto Giorgia Spiri hanno chiesto alla terza sezione del tribunale, presieduta da Fabrizio La Cascia, la condanna a 5 anni di reclusione per Bianco e a 3 anni e 4 mesi ciascuno per Luciano Barbaro, Filippo Madonia e Giovanni Davide Amato. Tutti hanno sempre respinto le accuse. Nel processo il giovane e la sua famiglia si sono costituiti parte civile e sono assistiti dagli avvocati Nino e Marco Zanghì.

Il ragazzo, che è figlio di un vigile del fuoco, quando venne fermato in via Benedetto Gravina, al Borgo, era senza casco in sella ad uno scooter con un amico. Come aveva raccontato ai giudici durante un'udienza "abbiamo visto da lontano una volante ed abbiamo cambiato strada, poi però ho sentito dei colpi di clacson e ho detto al mio amico di accostare perché c'era la polizia". A quel punto, questa è la ricostruzione dell'accusa, mentre uno dei poliziotti avrebbe chiesto i documenti all'altro ragazzo, Bianco sarebbe sceso dalla volante ed avrebbe aggredito la presunta vittima.

"Mi ha dato un pugno al naso senza dire una parola. Io allora - aveva testimoniato il giovane - gli ho chiesto cosa avessi fatto, ma lui ha continuato a prendermi a pugni, alle tempie, al mento, al volto". Sarebbe stato anche colpito "con calci alle gambe e pugni al fegato", mentre avrebbe gridato che "ero il figlio di un collega, in quanto mio padre è vigile del fuoco, ma Bianco, imperterrito ha continuato a colpirmi, gridando: "T'accire, t'accire!' in napoletano". 

Il presunto pestaggio sarebbe durato "due minuti" e "ho pensato - aveva dichiarato il ragazzo oggi maggiorenne - che forse non erano poliziotti veri, non pensavo fosse possibile mi facessero questo". Sul posto sarebbero arrivati altri agenti, ma nessuno avrebbe prestato soccorso alla presunta vittima. 

Secondo la Procura non vi sarebbbe traccia del controllo effettuato quella notte al Borgo, anche se sarebbe emerso che il motorino sul quale erano i due giovani non avrebbe avuto una copertura assicurativa: "Ci dissero che per quella volta non ci facevano niente", aveva riferito la presunta vittima. Per l'accusa, però, questo sarebbe servito a nascondere il presunto pestaggio e da qui le accuse di falso ed omessa denuncia per gli altri tre imputati.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Diciassettenne pestato durante un controllo", la Procura chiede la condanna di 4 poliziotti

PalermoToday è in caricamento