Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Terrasini

Il peschereccio di Terrasini affondato, una corona di fiori in mare in ricordo delle vittime

La corrente nelle scorse settimane ha restituito i corpi privi di vita di Matteo Lo Iacono e di Giuseppe Lo Iacono. Ancora nessuna traccia invece di Vito Lo Iacono, 27 anni, figlio di Matteo. Cosa sia successo alla loro imbarcazione, la Nuova Iside, non è ancora chiaro 

A un mese dal naufragio del peschereccio Nuova Iside, si è svolta al porto di Terrasini una cerimonia per commemorare le vittime. Il mare ha restituito i corpi privi di vita di Matteo Lo Iacono e di Giuseppe Lo Iacono. Ancora nessuna traccia invece di Vito Lo Iacono, 27 anni, figlio di Matteo. Neppure lo scafo è stato ritrovato.

I sindaci di Terrasini e  Cinisi, Giosuè Maniaci e Giangiacomo Palazzolo, hanno deposto in mare una corona di fiori, in memoria dei tre uomini. Alla cerimonia hanno preso parte i familiari e le autorità marittime, civili, militari e religiose. "Chiediamo verità e giustizia per quanto successo alla Nuova Iside", ha detto il sindaco di Terrasini. "Questo posto dove ormeggiava la Nuova Iside dovrà restare vuoto fino a quando non si saprà cosa è successo in mare - gli ha fatto eco il sindaco di Cinisi - Noi continueremo a sostenere le famiglie che con forza stanno cercando la verità di una tragedia che ha colpito i paesi di Cinisi e Terrasini". 

Cosa sia accaduto nella notte tra il 12 e 13 maggio, a nord-est di San Vito Lo Capo non è ancora chiaro. Per il legale delle famiglie, Aldo Ruffino, il Nuova Iside potrebbe essere stato speronato da un mezzo che non ha prestato soccorso. L'avvocato è in attesa dell'autorizzazione per poter procedere alla riesumazione della salma di Giuseppe Lo Iacono, per sottoporla all'autopsia per accertare le cause del decesso.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il peschereccio di Terrasini affondato, una corona di fiori in mare in ricordo delle vittime

PalermoToday è in caricamento