Tonno rosso e pesce spada tra i liquami: scatta il maxi sequestro

Maxi operazione della polizia: tre le attività risultate non in regola tra la zona di Ballarò e corso dei Mille. Inflitte sanzioni il cui valore supera i 10 mila euro

Foto archivio inviata dalla polizia

Una valanga di multe e sequestri. Maxi operazione della polizia che in collaborazione con guardia di finanza e guardia costiera ha messo a segno controlli in numerose attività attive nel settore della ristorazione e della vendita del pesce, nella zona di Ballarò e corso dei Mille. "I controlli - spiegano dalla polizia - hanno preso spunto dai recenti episodi di 'cronaca', con diverse persone che sono state male dopo aver consumato pesce, tonno rosso in particolare". A coordinare i controlli sono stati gli agenti del commissariato Oreto-Stazione, che si sono avvalsi anche della collaborazione di medici veterinari dell’Asp.

Tre gli esercizi risultati non in regola. Nel cuore di Ballarò è stato individuato un banco in legno, improvvisato ad espositore, con 40 chili di pesce mal conservato e non tracciato; ne è scaturita una sanzione di 1.500 euro per il titolare, peraltro pregiudicato, al quale è stata contestata anche l’omessa installazione del registratore di cassa, per un importo di 500 euro. In un'altra attività, sempre a Ballarò, sono stati scovati due lavoratori in nero, motivo per cui è stata effettuata una segnalazione all’Ispettorato del Lavoro.

"Nella zona di corso dei Mille - dicono dalla questura - è stata controllata un’attività le cui inadempienze sono risultate le più gravi. Ovvero: esposizione per la vendita di pesce non tracciato, di cui oltre 40 chili di tonno rosso e due grossi esemplari, per un peso superiore ai 200 chili, di pesce spada privi di tracciabilità mal conservati all’interno di una cella frigorifera, tra liquami e sporcizie. E poi: presenza all’interno della stessa cella frigorifera di una grossa quantità di pesce congelato, anch’esso privo di tracciabilità; mancanza di licenza per la vendita di prodotto congelato; gravi carenze igienico sanitarie; eccedenza di suolo pubblico occupato rispetto al consentito ed anche in questo caso la presenza di un lavoratore in nero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto il pesce rintracciato nel corso del primo e del terzo controllo, per un peso complessivo di 400 chilogrammi, è stato sequestrato e ritenuto non idoneo al consumo umano dai veterinari dell’Asp e, pertanto, avviato alla distruzione - chiudono dalla questura -. Allo stesso tempo, è stata sequestrata la cella frigorifera dell’esercizio di corso dei Mille ed infine sono state inflitte agli esercenti irregolari sanzioni il cui valore supera i 10 mila euro. I controlli proseguiranno nel corso delle prossime settimane".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Gli insulti, la sparatoria in piazza e la chiamata al 112: "Questa è l'arma con cui l'ho ucciso"

  • Incidente a Boccadifalco, schianto tra 2 auto: tre feriti, uno è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento