Cronaca

Terrasini, pescatore di frodo tenta di speronare la guardia costiera

Un uomo è stato fermato durante una normale attività di controllo. Dopo averli minacciati, ha virato con l'imbarcazione cercando di colpire i militari. Una volta fermato sulla spiaggia di Carini è stato denunciato a piede libero e multato

Terrasini, pescatore di frodo sperona la guardia costiera (foto archivio)

Prima insulta i militari, poi cerca di speronarli con la sua imbarcazione. E' accaduto ieri, nelle acque di Terrasini, quando la guardia costiera ha fermato un pescatore di frodo, F.M., per una normale verifica. Ma L'uomo, poi denunciato a piede libero e multato per l'attività illecita, è andato su tutte le furie. Al termine dei controlli di ieri hanno portato al sequestro di circa 300 ricci e di 29,5 chili di pesce conservato in cattivo stato. Elevate sanzioni per un totale di 4 mila euro.

La guardia costiera stava navigando al largo di Terrasini quando si è imbattuta nel pescatore di frodo. "Dopo aver tentato invano di intimidire i militari - si legge in una nota - si è dato alla fuga verso Carini, ma ad attenderlo nell'approdo del lido MaraKech c'erano due pattuglie, una della guardia costiera ed una dei carabinieri di Villagrazia di Carini". Una volta sceso dall'imbarcazione, il pescatore ha continuato ad insultare e minacciare il personale militare.

Una volta condotto alla stazione dei carabinieri di Villagrazia di Carini, l'uomo è stato denunciato a piede libero e multato. Ma l'attività svolta ieri dalla guardia costiera non si è fermata qui. Sono stati sequestrati oltre 300 ricci di mare pescati illegalmente e, in seguito ad un'attività congiunta con i carabinieri e la polizia municipale di Balestrate, sono stati sequestrati 29,5 chili di prodotto ittico in cattivo stato di conservazione. Denunciato un altro venditore ambulante a cui sono stati sequestrati anche il mezzo e gli attrezzi per la vendita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrasini, pescatore di frodo tenta di speronare la guardia costiera

PalermoToday è in caricamento