Cronaca

Prodotti ittici vietati, sequestrati 935 chili di "neonata"

Se venduto, il pesce avrebbe fruttato oltre 25.000 euro. Dopo il sequestro è stato donato a diversi istituti di beneficenza. Tre uomini sono stati segnalati all'autorità giudiziaria

La guardia di finanza ha intercettato un furgone isotermico che trasportava 187 cassette di polistirolo contenenti 935 chili di pregiatissimo "bianchetto", meglio conosciuto come novellame di sarda o "neonata". Se venduto, avrebbe fruttato oltre 25.000 euro.

L’operazione si inserisce nelle azioni di contrasto dell’attività illecita dei pescatori di frodo. I finanzieri hanno sequestrato il prodotto e hanno individuato tre responsabili, R.C. di 40 anni, M.A. di 33 anni e S.P. di 37 anni, tutti di Palermo segnalati all’autorità giudiziaria per le ipotesi di reato di trasporto e commercializzazione di specie ittiche di taglia inferiore a quella prevista dalla normativa in vigore.

Accertate inoltre violazioni in materia di lavoro nero nei confronti di uno dei tre uomini, titolare di un'attività commerciale nel settore della pesca del quartiere della Kalsa. Il prodotto sequestrato è stato donato a diversi istituti di beneficenza, poiché, come accertato dal dipartimento di prevenzione della Asl era idoneo al consumo umano.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prodotti ittici vietati, sequestrati 935 chili di "neonata"

PalermoToday è in caricamento