Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Pericolo stoccaggio rifiuti nucleari in Sicilia, Urzì (Siamo la Sicilia): "Servono iniziative forti"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ben 90 mila metri cubi di rifiuti nucleari italiani potrebbero arrivare presto in Sicilia. La scelta ricadrebbe su un'ex miniera di salgemma perché i depositi salini, per la loro bassa permeabilità, si prestano ad ospitare, a lungo termine, rifiuti nucleari.

"Preoccupanti le indiscrezioni sulla possibilità che la Sicilia potrebbe essere scelta come sede per lo stoccaggio di rifiuti nucleari. Sembrerebbe - afferma Gabriele Urzì Presidente di siAmo la Sicilia - che i Ministeri dello Sviluppo Economico e dell'Ambiente abbiano individuato un'ex miniera di salgemma nei pressi dei comuni di Agira, Leonforte e Nissoria, nell'Ennese".

"Grave che la Sogin (la società di Stato responsabile della dismissione degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi), di concerto con i Ministeri sopra citati, abbia lanciato una subdola campagna informativa in ordine al progetto in argomento, finalizzata a convincere gli italiani ad accettare il materiale tossico nel proprio "giardino".

"Siamo all'assurdo. - continua Urzì - sembra la pubblicità del Mulino Bianco. Se questa sciagurata scelta dovesse realizzarsi, promoveremo un'azione forte in Sicilia. Occorre ergere barricate contro i governi, Regionale e Nazionale, che vorrebbero usare la Sicilia come una pattumiera e che non solo non investono sul territorio impedendo di produrre, ma vogliono persino inquinare il nostro suolo e mettere a repentaglio la nostra salute. Le miniere, casomai, vanno usate, insieme al turismo e all'agricoltura, per rilanciare l'economia siciliana, non per contenere rifiuti".

"Abbiamo già lanciato una campagna di denuncia e sensibilizzazione sulla nostra pagina Facebook (SiAmo la Sicilia) e twitter (@siamolasicilia) e utilizzzeremo anche il nostro sito internet www.siamolasicilia.com ".

Ovviamente la "politica" regionale è totalmente assente. La salute dei Siciliani - evidentemente - non rientra fra le priorità dei nostri politici ed amministratori.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pericolo stoccaggio rifiuti nucleari in Sicilia, Urzì (Siamo la Sicilia): "Servono iniziative forti"

PalermoToday è in caricamento