Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

"Aspettò per ore un esame, ma il macchinario era guasto e morì d'infarto": 4 indagati

Un primario e tre medici dell'ospedale Civico rischiano il processo per l'omicidio colposo di un uomo avvenuto il 25 febbraio 2017. Secondo l'accusa, una coronarografia avrebbe potuto salvarlo, ma la sala emodinamica sarebbe stata inutilizzabile

Avrebbe aspettato per ore di fare un esame all'ospedale Civico, nonostante stesse male e fosse già sopravvissuto ad un infarto 9 anni prima, ma uno dei macchinari sarebbe stato guasto e l'altro già impegnato e così Andrea Palma alla fine era morto proprio per un infarto, il 25 febbraio del 2017. Adesso il sostituto procuratore Felice De Benedittis ha chiuso l'inchiesta sul presunto caso di malasanità e si appresta a chiedere il rinvio a giudizio di un primario e di tre medici che le ebbero in cura in quei giorni.

A rischiare il processo per omicidio colposo sono Agostino Geraci, direttore dell'unità operativa di Medicina e chirurgia, Garbriella Aguglia, Fabio D'Antona e Filippo Priolo. Secondo la ricostruzione dell'accusa, se al paziente fosse stata fatta una coronarografia per tempo, le sue condizioni non sarebbero peggiorate e avrebbe potuto salvarsi.

La vittima aveva già avuto un infarto nel 2008. La sera del 23 febbraio di tre anni fa si era presentato al pronto soccorso. Intorno alle 6.30 del giorno successivo sarebbe stato visitato da un cardiologo e alle 8.30 gli sarebbe stata precritta una coronarografia. Un'ora dopo, alle 9.32, sarebbe stata però comunicata "l'indisponibilità della sala emodinamica - una per un guasto al macchinario, l'altra perché impegnata per altri trattarmenti programmati" che non si potevano rinviare, come si legge nell'avviso di conclusione delle indagini.

Tre ore a dopo, cioè alle 12.32, secondo la Procura sarebbero state fornite indicazioni simili e, nonostante il paziente fosse a rischio, i medici non si sarebbero attivati né per fare eseguire l'esame nella sala destinata alle emergenze e neppure per trasferire Palma in un'altra struttura sanitarira, dove sottoporlo all'accertamento. Per questo - sostiene ancora il pm - le condizioni della vittima si sarebbero aggravate e il giorno dopo era deceduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Aspettò per ore un esame, ma il macchinario era guasto e morì d'infarto": 4 indagati

PalermoToday è in caricamento