Cronaca

Picchiato selvaggiamente e rapinato: notte da incubo per un uomo a Partinico

In due hanno cercato di entrare in casa con una scusa, ma la vittima non ha ceduto. Quindi i malviventi sono passati alle maniere forti. Uno di loro è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri. Il malcapitato è ricoverato all’ospedale del paese

Salvatore Cortese, arrestato per rapina

Picchiato selvaggiamente e rapinato. Una notte da incubo per un uomo di 46 anni di Partinico. Tutto è iniziato alle 19, quando rientrando nella sua abitazione al piano terra di una via del centro, trova ad attenderlo due giovani. Che gli chiedono insistentemente di entrare nella sua abitazione con la scusa di dovere andare in bagno. Nonostante l’insistenza, la vittima non cede alla richiesta. Mentre entra nel suo appartamento, i due, con efferata violenza, bloccano la porta d’ingresso scaraventando la vittima all'interno dell'abitazione.

Qui iniziano gli attimi di terrore e paura. Subito hanno immobilizzato il malcapitato, picchiandolo selvaggiamente con schiaffi e pugni sul capo e varie parte del corpo. Minacciandolo di morte, si fanno consegnare 600 euro custoditi in un borsello. Arraffato il bottino, i due malviventi, per assicurarsi la fuga, trascinano la vittima, ancora dolorante nel sottoscala, chiudendolo a chiave nel ripostiglio. Solo dopo alcuni minuti di prigionia, la vittima riesce con i calci a sfondare la porta, richiedendo aiuto ai carabinieri.

Le indagini, svolte con grande tempestività, hanno consentito di identificare uno dei due rapinatori: si tratta di Salvatore Cortese, 24 anni, da poco scarcerato e sottoposto alla sorveglianza speciale, che è stato rintracciato subito dopo nella sua abitazione e su disposizione dell’autorità giudiziaria condotto all’Ucciardone di Palermo. La vittima invece - trasportata al pronto soccorso - si trova tuttora ricoverato in osservazione con un trauma cranico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiato selvaggiamente e rapinato: notte da incubo per un uomo a Partinico

PalermoToday è in caricamento