Insulti e minacce di morte a Maniaci Su un muro la scritta: “W la Mafia”

Si tratta dell'ennesimo episdio per il direttore di Telejato che più volte è stato bersaglio di ingiurie a causa della sua informazione libera e schierata dalla parte della società civile

Pino Maniaci, direttore Telejato

Ancora minacce, ancora insulti per Pino Maniaci, direttore di Telejato. La segreteria provinciale di Palermo dell’Associazione siciliana della Stampa, sindacato unitario dei giornalisti, esprime piena solidarietà al giornalista che ieri mattina è stato oggetto di frasi ingiuriose e scritte con figure inquietanti e minacciose trovate sui muri di numerose strade di Partinico, come “W la mafia, Pino Telejato sei lo schifo della terra” ed accanto a questa scritta l’immagine di una bara. Proprio ieri, Maniaci stesso aveva cancellato un’altra scritta contro di lui che recitava “Hai rovinato un paese”. “Fatti come questi sono assolutamente intollerabili – afferma il segretario provinciale di Assostampa Palermo, Roberto Ginex – chi inneggia alla mafia e la difende è contro la Sicilia e i siciliani, il sindacato dei giornalisti è vicino a Pino Maniaci e a Telejato che siamo certi proseguirà senza indugi con la sua informazione libera e schierata dalla parte della società civile. Confidiamo infine nell’azione delle forze dell’ordine che indagano per scoprire gli autori di questi gesti vili”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento