Partinico, merce contraffatta devoluta in beneficenza

Circa 300 capi sequestrati dalla guardia di finanza sono stati consegnati a varie associazioni presenti sul territorio tra cui la parrocchia Santissimo Salvatore

Durante un’operazione di contrasto al commercio di capi contraffatti nel marzo del 2010 la guardia di finanza di Partinico aveva un magazzino di griffe false: ben 300 capi tra scarpe, giubbini, magliette e jeans, camice, riportanti i più noti e richiesti marchi di moda. Al termine dell’iter processuale, con la condanna del responsabile, sarebbe arrivato l’ordine di distruggere i capi “tarocchi”, ma i Finanzieri hanno richiesto ed ottenuto dall’Autorità Giudiziaria l’autorizzazione a devolvere i capi confiscati alle varie associazioni benefiche presenti sul territorio, previa rimozione delle griffe. Un piccolo gesto che permette però agli enti benefici e di misericordia come la parrocchia di Terrasini, Maria santissima della Provvidenza e quella di Partinico, Santissimo Salvatore, di continuare la loro opera di sostengo ai bisognosi e di trasformare un reato in un opera di bene.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento