Musica, danza all'aperto e degustazioni, parte "Ballarò di Primavera"

Un mese di iniziative - dall'1 al 31 maggio - per valorizzare il centro storico e le isole pedonali. "Speriamo - dice il presidente di Amici dei musei Bernardo Tortorici - che non finisca come il Panormvs Street Food, cosa che ci farebbe scadere in una piccola provincia"

Un momento della conferenza di presentazione - foto Bonfardino

Valorizzare le isole pedonali, far rivivere luoghi dimenticati o inediti, far risorgere la Palermo antica, coniugando il passato prestigioso del capoluogo con la tecnologia e la speranza di un futuro in cui la città riesca a vivere di turismo. Sono gli obiettivi della prima edizione di "Ballarò di Primavera 2015", la rassegna promossa e organizzata dal comitato cittadino "Ballarò significa Palermo" (Ars Nova, Italia Nostra-Palermo, Kleis, Culturae, Insieme per la Cultura), con il patrocinio gratuito del Comune e della presidenza del Consiglio comunale, presentata questa mattina a Palazzo delle Aquile. 

Un ricco programma di appuntamenti - sulla scia di quanto già iniziato nel 2013 da "Ballarò d'autunno" e dal "Festival di Rosalia" - che partiranno il primo maggio e continueranno fino alla fine del mese, coinvolgendo il contesto intorno al quale è situato il mercato di Ballarò. Da piazza Bologni a Casa Professa, dalla Chiesa di San Giovanni Decollato, alle Case romane, passando per la Chiesa della Madonna della Soledad e quella di Santa Cristina la Vetere. E ancora la Cappella delle Dame, Villa Bonanno e il Campanile di San Giuseppe Cafasso, fino ad arrivare al cuore pulsante degli storici mercati di Ballarò e del Capo. Per l'occasione è stata creata "Sicilia Passepartour", un'apposita card prepagata dal valore di 15 euro, che garantisce l'accesso gratuito a quattro siti, più una degustazione, una riduzione sugli altri e sconti presso hotel, ristoranti e teatri. La carta, promossa da Diamond Card, potrà essere acquistata o online o nei punti autorizzati (alberghi, stazioni ferroviarie, info point). 

Tante anime e tanti luoghi che si incontrano e miscelano. Dai migranti alle confraternite religiose, dagli artisti agli abitanti del centro storico tra musica, danza, teatro e tante degustazioni. Una narrazione di Palermo partendo dai suoi luoghi e dalla sua gente. Si parte i primi di maggio con un grande villaggio dell'intercultura tra Casa Professa e Santa Chiara, poi il gran ballo di Primavera che farà diventare piazza Bologni tra il 9 e il 10 maggio una vera balera all'aperto

Non mancheranno itinerari culturali, visite dei monumenti, processioni, sacre rappresentazioni e spettacoli teatrali con Salvo Piparo, Costanza Licata, Gianni Gebbia, Rosemary Enea e Simona Malato che si esibiranno on piazza casa Professa, in piazza Bologni e a San Giovanni Decollato. E ancora l'iniziativa "Incontriamoci per la Legalità" in piazza Bologni, in occasione delle Falconiadi, tra il 22 e il 24 maggio. Appuntamento fisso, poi, in piazza Bologni tutti i venerdì e sabato alle 18 e la domenica alle 11 con Speaker's corner, l'angolo dell'oratore, un nuovo momento di partecipazione e narrazione cogestito dai Licei Croce e Vittorio Emanuele II sul modello londinese. Il tutto si concluderà tra il 29 2 31 maggio con una grande sfilata di Primavera dei Centri aggregativi del Coordinamento Albergheria e Capo insieme, sempre in piazza Bologni. 

"Ciò che vogliamo portare avanti - spiega Giulio Pirrotta, ideatore dell'iniziativa e presidente di Ars Nova - è un percorso di ricostruzione dello spirito della città. Dalla presentazione delle bellezze alla cultura del cibo: l'idea è che la narrazione sia un tessuto di base per mantenere e costruire identità". Presente alla presentazione anche il presidente del Consiglio comunale Totò Orlando e della Commissione Attività Produttive, Paolo Caracausi. "Ci riteniamo parte integrante di questo progetto. Da due anni proviamo a rendere aperto questo Palazzo. Abbiamo fatto uno sforzo immane per liberare le auto dalle piazze, il passaggio successivo è quello di non far passare il messaggio che una volta liberate restino desertificate". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non si sono fatti attendere riferimenti e critiche alla prima edizione della rassegna Panormvs Street Food, che si è svolta dieci giorni fa in piazza San Domenico. "Dobbiamo fare delle cose belle - ha detto Bernardo Tortorici, presidente di Amici dei musei - non di certo come lo street food, che ci farebbe scadere in una piccola provincia". Spazio infine anche alle parole di una donna marocchina che da sette anni vive a Palermo, che parteciperà attivamente alla rasegna. "L'italia - commenta - è ormai la nostra prima casa. Viviamo più qui che nel nostro Paese. Abbiamo scoperto tante cose belle ma anche brutte. Ma l'unica cosa certa è che quando c'è vita c'è tutto". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • "Non ce n'è Coviddi!": ecco il videogioco per salvare Mondello dal virus

  • Tony Sperandeo: "Bestemmio ma vado in chiesa, ho superato la mia disgrazia"

  • Droga, furti ed estorsioni col benestare dei boss: due gruppi si dividevano la città, 20 arresti

  • Aveva un tumore al fegato, donna salvata da un intervento all'Ismett

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento