menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso del plesso Pascoli

L'ingresso del plesso Pascoli

Partanna, scuola Pascoli chiusa per le lesioni al controsoffitto: "Sette aule agibili"

Lo stop alle lezioni per la scarsa sicurezza di un'aula al primo piano. Bambini costretti ai doppi turni in sede centrale. I consiglieri comunali Ottavio Zacco e Catia Meli dopo un sopralluogo: "Spazi al piano terra sicuri, si possono usare ed evitare disagi"

Da venerdì scorso la scuola Pascoli di via Nettuno, che appartieme alla direzione didattica Partanna Mondello, è chiusa. Lo stop alle lezioni in presenza è stato causato dalle lesioni nel controsoffitto in un'aula al primo piano. I bambini sono così stati costretti ai doppia turni in sede centrale.

I consiglieri comunali Ottavio Zacco e Catia Meli stamani hanno effettuato un sopralluogo nell'edificio con i tecnici del settore edilizia scolastica e con i rappresentanti della scuola. "E' emerso - si legge in una nota - che l'eventuale pericolosità (da verificare ulteriormente con tecnici addetti) del controsoffitto interessa solo il piano primo del plesso scolastico".

"Su nostra richiesta - spiegano i consiglieri - è stato appurato che nelle aule del piano terra non è presente controsoffitto e queste possono essere rese agibili per le lezioni. Tale provvedimento eviterebbe la chiusura totale del plesso, rendendo fruibili le sette aule dell'intero piano terra, scongiurando di fatto il fastidioso doppio turno, e rendendo meno gravoso per gli alunni e per i genitori il prosieguo di un anno scolastico già di per sé alquanto tribolato. Quindi, abbiamo chiesto agli uffici di accelerare l'iter per la riapertura del  plesso".

Zacco e Meli sottolineano che "l'edilizia scolastica è uno dei settori strategici della città. Non possiamo permetterci - dicono - di caricare ulteriore stress sulle spalle delle famiglie degli alunni costretti a vivere giornalmente nella paura e nell'incertezza in quest'anno scolastico tormentato o dei dirigenti scolastici già travolti dalle responsabilità previste dal governo nazionale e dalle linee guida anti Covid. I genitori devono avere la serenità di lasciare i propri figli in un ambiente sano e soprattutto sicuro. Non è più tollerabile continuare ad ascoltare di continui crolli di tetti di aule scolastiche, di chiusure di interi plessi scolastici, di classi che ancora nel 2020 sono sprovviste di impianti di riscaldamento. Non possiamo - sottolineano - stare dietro alle lungaggini burocratiche quando si tratta dell'incolumità dei nostri figli. Bisogna con urgenza potenziare il settore edilizia scolastica, una delle strutture strategiche più fondamentali della città, un settore che ha bisogno di maggiori attenzioni da parte dell'amministrazione comunale. Pertanto, abbiamo chiesto al sindaco di nominare con urgenza un dirigente tecnico alla guida di un settore così importante e contestualmente incrementare il numero di tecnici, così da evitare che in futuro possano accadere equivoci come quello accaduto nel plesso Pascoli o che vengano demandate ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione degli istituti responsabilità che non gli competono. Ci auguriamo che si faccia una mappa delle strutture scolastiche che necessitano di interventi e che gli stessi si programmino attraverso necessari e fondamentali appalti aperti di pronto intervento".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento