Venerdì, 12 Luglio 2024
La promessa / Acqua dei corsari

Parco Libero Grassi, il Comune scandisce i tempi: "Lavori di bonifica in gara entro l'anno"

L'area verde di Acqua dei Corsari non ha mai aperto al pubblico, diventando terra di degrado e criminalità. Dopo la provocazione della figlia dell'imprenditore che si è ribellato al pizzo ("Intitoliamolo a Vito Ciancimino"), l'amministrazione prova a recuperare il tempo perduto: "Confermato il finanziamento della Regione"

"Entro l'anno manderemo in gara i lavori di bonifica del parco Libero Grassi, per il quale la Regione ha confermato il finanziamento di 11 milioni di euro". La promessa dell'assessore alle Politiche ambientali e riqualificazione costiera Andrea Mineo arriva nel giorno del 32esimo anniversario dall'omicidio dell'imprenditore che per primo si è ribellato alle richieste di pizzo della mafia.

"Libero" di nome e di fatto, Palermo ricorda Grassi a 32 anni dall'omicidio

L'amministrazione comunale, quindi, scandisce i tempi per la riqualificazione dell'area verde di Acqua dei Corsari, che non ha mai aperto i battenti al pubblico, diventando purtroppo terra di degrado e criminalità, che l'ha usata come cimitero per le carcasse d'auto rubate. Colpa dei tanti (troppi) ritardi nell'esecuzione dei lavori, che hanno spinto Alice Grassi, figlia dell'imprenditore, a chiedere provocatoriamente di intitolare il parco all'ex sindaco mafioso Vito Cincimino. Un pungolo per il Comune che, tramite l'assessore Mineo, "ringrazia sentitamente Alice e Davide Grassi e tutta l’associazione per essere stati costantemente accanto al Comune per stimolare l’azione e non perdere le opportunità economiche, come già avvenuto quando anni fa furono sprecati 5 milioni di euro per una sistemazione superficiale che non aveva contemplato la necessaria bonifica che rende fruibile quel luogo".

Adesso il progetto esecutivo è stato già inviato alla Commissione tecnico scientifica presieduta da Gaetano Armao per l'esclusione della Vas (Valutazione amvientale strategica) "in modo da accorciare i tempi della gara". La commissione istruttoria ha deliberato positivamente a fine luglio, "quindi, a brevissimo manderemo in gara gli indispensabili lavori di bonifica. Successivamente verranno avviate le procedure per il progetto paesaggistico e funzionale che consentirà, attraverso il tributo di memoria a Libero Grassi, di donare un grande parco vegetale, costiero, sportivo e socio-educativo a servizio del quartiere, soprattutto delle scuole e dei ragazzi, dell’intera città che potrà tornare a riappropriarsi di quei luoghi martoriati dalla mafia edilizia dei tempi cupi del 'sacco di Palermo' e della Città metropolitana, poiché quello sarà un meraviglioso parco di ingresso alla città e potrà essere fruito anche dai Comuni limitrofi", conclude Mineo.  

"La memoria di chi ha perso la vita ribellandosi ai clan dovrebbe essere rinnovata con gesti concreti e non con proclami. Lo stato di degrado in cui si trova l’area del parco Libero Grassi di Acqua dei Corsari è una mortificazione per la città", così in una nota Mario Giambona, parlamentare regionale del Pd. "Da troppi anni si attende la bonifica dell’area che avrebbe dovuto essere un polmone verde destinato alle famiglie, ma non ha mai aperto al pubblico a causa di problemi ambientali ancora irrisolti ed è diventato un luogo destinato ad illeciti i ogni tipo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Libero Grassi, il Comune scandisce i tempi: "Lavori di bonifica in gara entro l'anno"
PalermoToday è in caricamento