rotate-mobile
La proroga

Parchi gioco inclusivi, per i comuni beneficiari del contributo c'è tempo fino al 30 giugno per chiudere i progetti

Sono 165 quelli ammessi al finanziamento su 304 domande presentate in totale. L'assessore Scavone: "Ad oggi realizzati ben 63 aree per i più piccoli"

I Comuni beneficiari del contributo regionale per la realizzazione dei parchi gioco inclusivi avranno più tempo per portare a termine i lavori. Approvata con decreto del dirigente generale del dipartimento della Famiglia e delle Politiche sociali la proroga fino al prossimo 30 giugno per la chiusura dei progetti di realizzazione dei parchi. La decisione tiene conto del rallentamento dei cantieri determinato dalla situazione pandemica e dal ritardo della consegna dei giochi da installare.

Ad oggi risultano realizzate 63 aree gioco inclusive, che riguardano i 95 Comuni facenti parte del primo gruppo di finanziamento. Il successivo incremento della disponibilità ha determinato lo scorrimento della graduatoria, finanziando un totale di 165 progetti ammessi al finanziamento. Ai Comuni (165 su 304 domande presentate in totale), la Regione ha concesso un contributo variabile fino a 50 mila euro circa che copre al massimo l'80 per cento del costo complessivo del progetto, mentre il restante 20 per cento è a carico del soggetto proponente. Castelbuono, Montelepre, Geraci Siculo, Alimena, Balestrate, Campofiorito, Aliminusa, Collesano, Bompietro, Petralia Soprana, Baucina, Trappeto, Petralia Sottana e Ventimiglia di Sicilia i Comuni del palermitano che hanno completato i lavori dei parchi giochi inclusivi. In dirittura di arrivo anche altri progetti di Comuni che, pur avendo completato i lavori, non hanno ancora inviato la rendicontazione sullo stato di realizzazione.

"I parchi gioco inclusivi sono un’occasione per investire sulle abilità, per favorire un percorso di integrazione per tutti i bambini, ciascuno con la propria abilità - commenta l'assessore regionale alla Famiglia e politiche sociali, Antonio Scavone - Il governo regionale è soddisfatto della grande adesione manifestata dai Comuni e di essere riuscito a incrementare la dotazione finanziaria per favorire la creazione di 165 strutture ludiche". 

Il governo Musumeci, tramite l'assessorato regionale della Famiglia, tra il 2020 e il 2021 ha stanziato complessivamente 6,4 milioni di euro, a seguito della riprogrammazione del Fondo nazionale Politiche sociali, per la realizzazione, in spazi già esistenti nei Comuni siciliani, delle aree ludiche inclusive per bambini, prive di barriere architettoniche, in cui creare percorsi con rampe di accesso alla zona gioco, pavimentazione e strutture combinate: si tratta, infatti, di spazi aperti a tutti, dove i bambini e le bambine trovano, ognuno con le proprie abilità, concrete opportunità di gioco e di relazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parchi gioco inclusivi, per i comuni beneficiari del contributo c'è tempo fino al 30 giugno per chiudere i progetti

PalermoToday è in caricamento