rotate-mobile
Cronaca Politeama / Piazza Vittorio Emanuele Orlando

Tribunale, dipendenti infuriati per i parcheggi a pagamento: "Costi più che raddoppiati"

Si è discusso di questo nel corso di una seduta che si è svolta nel consiglio della prima circoscrizione: "Da 45 euro al mese i costi sono schizzati a 95 euro"

Malumore al Palazzo di Giustizia per i costi dei parcheggi a pagamento che nel corso degli anni sono lievitati. A sollevare il caso sono i dipendenti del tribunale. "Da 45 euro siamo arrivati adesso a 94 euro al mese", dicono alcuni lavoratori. Il riferimento è ai parcheggi Apcoa di piazza Vittorio Emanuele Orlando, creati dieci anni fa. Si è discusso di questo nel corso di una seduta che si è svolta nel consiglio della prima circoscrizione.

Il vicepresidente Antonio Nicolao ha proposto di "valutare la possibilità di scontare il prezzo mensile del 30% a chi può dimostrare attraverso ricevute o documentazione di utilizzare il parcheggio da almeno otto anni". "Filippo  Bonura - spiega Nicolao - intervenuto in rappresentanza dell'Apcoa, si è riservato di dare una risposta dopo un approfondimento con l'amministratore delegato dell'azienda".

Il vicepresidente della prima circoscrizione racconta: "Ci siamo incontrati con gli altri consiglieri per rappresentare le lamentele dei
dipendenti del tribunale e proporre una sorta di convenzione. Si tratta di una proposta che riguarda soltanto chi lavora al Palazzo di Giustizia (parliamo di 'semplici' dipendenti come gli operatori che non hanno diritto al posto) mentre i turisti e i clienti del vicino mercato sono un’altra cosa. Chiediamo che venga presa in considerazione la possibilità di uno sconto del 30% soprattutto in considerazione del robusto aumento che c'è stato nel corso degli ultimi anni. Adesso - conclude Nicolao - stiamo attendendo una risposta ufficiale da parte dell'azienda per dirimere nel migliore dei modi la questione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tribunale, dipendenti infuriati per i parcheggi a pagamento: "Costi più che raddoppiati"

PalermoToday è in caricamento