Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Bekir, Antonio e l'incontro con Papa Francesco: "Porterò quel sorriso nel cuore..."

Il Santo Padre ha pranzato con gli ospiti della Missione Speranza e Carità creata dal missionario laico Biagio Conte, che da anni accoglie chi ha bisogno senza distinzione di razza o fede. La testimonianza di chi ha incontrato Papa Bergoglio

Papa Francesco pranza con gli ospiti della Missione Speranza e Carità

Bekir è musulmano, viene dalla Tunisia. E' uno dei migranti con cui Papa Francesco ha pranzato nella Cittadella della Missione Speranza e Carità di via Decollati. Seduto di fronte al Pontefice ha conversato con lui. "Come se si conoscessero da sempre", dice chi era presente. Lui, islamico, ha dipinto le 8 pale che abbelliscono l'altare nella Chiesa della Missione, dove Bergoglio si è recato subito dopo il pranzo. Uno dei momenti della sua lunga giornata palermitana, iniziata con la Messa al Foro Italico e conclusa con l'incontro al Politeama con i giovani.

Nel centro fondato da Biagio Conte si accolgono tutti, "senza distinzione di religione ed etnia" dice il missionario laico. E tra i fratelli si crea una magia unica. Così Bekir, seduto proprio di fronte a Papa Francesco, ha pensato di condividerlo quel momento magico. Ha fatto un cenno con una mano a un volontario per farlo avvicinare e rivolto a Bergoglio ha detto: "Ti devo presentare un amico". L'amico era Antonio Fulco, 32 anni, storico volontario della Missione. "E' stata una grande emozione - dice adesso Antonio - . Un gesto che mi ha commosso. Invece di godersi quei minuti con il Pontefice, ha pensato a me, mi ha presentato come 'un amico' e ha condiviso la gioia e la grazia di quel momento". Una scena in cui Antonio ha visto anche un messaggio più profondo. "Un fratello musulmano che parla con il Papa e mi presenta come amico. Il segno di un'unione tra le religioni che oggi ha un valore ancora più alto". Antonio in missione è arrivato 12 anni fa. Per caso. "Dalla Basilicata a Palermo per studiare, qui ho conosciuto la mia vocazione". In via Archirafi è arrivato con un sacco di vestiti da donare ai poveri. "Mi ci avevano mandato i frati della Chiesa di Sant'Antonino" ricorda. Prima i vestiti, il giorno dopo un sacco con la spesa e da allora un impegno quotidiano, perché "Biagio (Conte, ndr) per me è come un secondo padre e alla Missione mi hanno visto crescere, è la mia casa". 

Il giorno di Papa Francesco: "Non si può essere mafiosi e credere in Dio“

Proprio Antonio si è occupato dell'aspetto logistico. A lui il difficile compito di scegliere i 'fratelli', 33 in tutto, che hanno pranzato con Papa Francesco, al suo stesso tavolo. "Ho privilegiato gli ammalati, c'era un non vedente, un sordomuto, un fratello dello Sri Lanka in sedia a rotelle e poi presenze storiche della Missione, gente proveniente da ogni angolo del mondo". Certo lui, che a Bergoglio ha servito anche i dolci, non si aspettava di potergli stringere la mano. "Mai l'avrei immaginato, mi bastava stare lì a pochi metri da lui" racconta. E, invece, l'occasione si è ripresentata una seconda volta. "Fratello Biagio mi ha chiamato per presentarmi al Papa, a quel punto mi sono inginocchiato, gli ho baciato la mano e gli ho sussurrato 'Ti voglio bene'. Il Papa mi ha guardato, mi ha sorriso con dolcezza e mi ha detto 'prega per me'. Quel sorriso lo porterò nel mio cuore per sempre, mi ha regalato una pace enorme, ma soprattutto un senso di grande familiarità".
 

(Fonte Adnkronos)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bekir, Antonio e l'incontro con Papa Francesco: "Porterò quel sorriso nel cuore..."

PalermoToday è in caricamento