Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

"L'amore è più forte dell'odio", il saluto di Papa Francesco ai siciliani

Al termine dell'Angelus il Pontefice ha voluto ricordare le ore trascorse a Piazza Armerina e Palermo. Nelle sue parole un ringraziamento per l'accoglienza ricevuta e, ancora una volta, il ricordo del sacrificio di Padre Puglisi

Foto Pietro D'Antoni

Mentre Palermo torna alla normalità e migliaia di fedeli hanno ancora negli occhi le immagini dell'intesa giornata di ieri con la presenza di Papa Francesco, il Santo Padre si è rivolto ancora una volta ai siciliani. Lo ha fatto al termine dell'Angelus. "Ieri mi sono recato a Piazza Armerina e Palermo in occasione del 25esimo anniversario della morte del beato Pino Puglisi", ha detto chiedendo alla folla di piazza San Pietro un applauso per il sacerdote martire della mafia.

Il giorno di Papa Francesco: "Non si può essere mafiosi e credere in Dio"

"Ringrazio di cuore le Autorità civili ed ecclesiastiche e tutte le persone che hanno contribuito a rendere possibile questo viaggio. Ringrazio i bravi piloti dell’aereo e dell’elicottero. Ringrazio in particolare i cari vescovi Rosario Gisana e Corrado Lorefice per il loro eccellente servizio pastorale. Ringrazio i giovani, le famiglie e tutto il meraviglioso popolo di questa bellissima terra di Sicilia, per la loro calorosa accoglienza. L’esempio e la testimonianza di don Puglisi continuino ad illuminare tutti noi e a darci conferma che il bene è più forte del male, l’amore è più forte dell’odio. Il Signore benedica voi siciliani e la vostra terra! Un applauso ai siciliani!"

Bekir, Antonio e l'incontro con Papa Francesco: "Porterò quel sorriso nel cuore..."

La giornata siciliana di Papa Francesco è stata intensa e fitta di impegni. Dopo Piazza Armerina, è giunto a Palermo dove ha celebrato la Messa al Foro Italico. Poi il pranzo consumato alla Missione Speranza e Carità del missionario laico di Biagio Conte. Nel pomeriggio l'incontro con il clero e infine quello con i giovani al Politeama. Sulla strada dell'aeroporto, poi, il piccolo strappo al protocollo: la richiesta di fermare l'auto ai piedi della stele che ricorda le vittime della strage di Capaci del 1992. 

Papa Francesco infrange il protocollo: sosta a Capaci e omaggio alle vittime della strage

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'amore è più forte dell'odio", il saluto di Papa Francesco ai siciliani

PalermoToday è in caricamento