L'attore e assistente sociale Brancati aggredito da un migrante: "Amo il mio lavoro, non ci rinuncio"

A raccontare l'episodio è lo stesso artista, soccorso e portato all'Ingrassia: "Felice di essere vivo! Stanotte ho rischiato la morte". Poi precisa: "Il razzismo non so cosa possa essere! Alcuni arrivando da situazioni difficili conoscono come unico modo di comunicare la violenza"

Paolo Brancati - foto pubblicata su Facebook

Brutta avventura per l'attore e regista palermitano Paolo Brancati. L'artista, che quando non calca le scene lavora come assistente sociale in una comunità per migranti, è stato aggredito da uno degli ospiti della struttura. A raccontare l'episodio è lo stesso Brancati, finito in ospedale, in un post su Facebook. Alcune foto e una scarna didascalia "Lavorando lavorando capita che vieni aggredito!", ma allo stesso tempo la presa di posizione: "Io amo il mio lavoro e questo sporadico avvenimento non mi porterà certo a rinunciare a questa realtà".

Rispondendo ai tanti amici che si informano dele sue condizioni, Brancati ricostruisce quanto accaduto. "Lui ha iniziato spegnendo le luci e a colpirmi con pugni, calci e testate! Sono felice di essere vivo!!!! Stanotte ho rischiato la morte". L'attore è stato soccorso e portato all'ospedale Ingrassia. Per lui ferite a una gamba, a un braccio e un bernoccolo in testa.

Quanto accaduto però non spinge di certo l'attore a limitare il suo impegno. "Sono un assistente sociale! Il razzismo non so cosa possa essere! Il problema - scrive - è che il rispetto delle regole per alcuni è ovvia per altri è vista come una 'restrizione' alla loro libertà e alcuni arrivando da situazioni difficili conoscono come unico modo di comunicare la violenza! Io amo il mio lavoro e questo sporadico avvenimento non mi porterà certo a rinunciare a questa realtà, dando sempre di più a chi oggi ha bisogno di aiuto. Sono nostri fratelli e bisogna essere solidali nell’accoglierli, ma anche a istruirli sulla nostra legge (diritti e doveri) come ognuno di noi anche loro sono tenuti a rispettarla".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il problema - spiega Brancati - è complesso questi ragazzi arrivano da Paesi dove purtroppo sulle loro spalle hanno subito violenze e quindi conoscendo solo la violenza utilizzano solo questo modo per comunicare!!!! Per fortuna che sono solo casi Sporadici, il 99,99 % è grato di tutto quello che si fa per loro ogni giorno!!! E per noi social worker è la più bella soddisfazione al mondo vedere un sorriso su quei volti che fino ad oggi hanno visto solo atrocità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

Torna su
PalermoToday è in caricamento