Di Pisa: "Borsellino è morto per la questione appalti, erano lì tutti gli interessi della mafia"

Il magistrato che fece parte del pool antimafia di Palermo non ha dubbi: "Non c'entra nulla la trattativa"

"Paolo Borsellino è stato ucciso per la questione mafia e appalti, non c'entra la trattativa". Lo dice, in una intervista a 'Il Dubbio' Alberto Di Pisa, magistrato che fece parte del pool antimafia di Palermo, lavorando accanto a Giovanni Falcone e lo stesso Borsellino.

"Proprio il giorno dell'attentato - racconta - Paolo Borsellino aveva urgenza di parlarmi, ma purtroppo non c'era quando era passato a cercarmi". Si occupò dell'inchiesta su mafia e appalti che gli fu tolta dall'allora Procuratore Pietro Giammanco e che finì archiviata. "Con Paolo Borsellino eravamo in ottimi rapporti - racconta Di Pisa - sia a livello professionale che umano. Purtroppo hanno scritto di tutto, anche che i miei rapporti con Falcone e Borsellino non erano idilliaci, eppure basterebbe leggere i verbali di quando Falcone fu sentito al Csm che disse che i nostri rapporti erano ottimi".

Di Pisa fu accusato di essere il 'corvo' del tribunale, accusa da cui fu pienamente assolto. "Borsellino disse che non ci avrebbe creduto nemmeno se lo avesse visto con i propri occhi - dice ancora Di Pisa -. L'accusa nasce dalla costruzione di una pseudo prova, dovrò aspettare quattro anni prima di essere definitivamente assolto". E racconta che in quel periodo aveva "inchieste scottanti, tra le quali quella di mafia e appalti del comune di Palermo. Era il periodo della famosa primavera di Orlando ma appurai che i grandi appalti erano ancora in mano a referenti mafiosi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E spiega che Paolo Borsellino, a suo avviso, è stato ucciso proprio per quella inchiesta. "Non c'entra nulla la trattativa - dice - perché ne avrebbe parlato e soprattutto denunciato in procura se avesse appurato una cosa del genere, in realtà è morto per la questione appalti, erano lì tutti gli interessi della mafia". "Ricordo che in una occasione - dice - gli chiesi se l'attentato a Falcone fosse una strategia di 'destabilizzazione' e lui mi rispose di no ma che è 'stabilizzante'".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il "re del pollo fritto" arriva a Palermo, apre il colosso Kfc: 40 nuovi posti di lavoro

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Giorgia Davì, la baby modella che porta un po' di Palermo alla Milano Fashion Week

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento