Ztl, zone blu e parcheggio: Panormus 2000 attacca il Comune

La società che ha costruito nel 2005 il parcheggio sotterraneo del Tribunale punta il dito contro l'amministrazione Orlando: "Arbitraria sottrazione di stalli, 212 in tutto"

La Panormus 2000, la società che ha costruito nel 2005 il parcheggio sotterraneo del Tribunale in project financing (affidandone successivamente la gestione ad Apcoa unitamente alle aree di superficie, attacca ancora una volta il Comune. L'azienda punta il dito contro l'amministrazione Orlando, parlando di “arbitraria sottrazione di stalli, 212 in tutto”. "Il Comune di Palermo prosegue nella sua progressiva e arbitraria opera di sottrazione di spazi che la Convenzione ci garantisce e si rifiuta di convocare il Comitato di coordinamento per la gestione del servizio - attacca Panormus 2000 -. L’ultima riunione si è tenuta il 24 settembre del 2012. Riteniamo che sia doveroso informare l’utenza e la cittadinanza di questo comportamento tenuto dall’amministrazione comunale".‘

"Appare abbastanza chiaro – prosegue Panormus 2000 – che il Comune di Palermo utilizzi il contenzioso in atto con la nostra società – avanzando nei nostri confronti una ingiustificata richiesta di un milione e mezzo di euro a titolo di extraprofitti, ossia di maggiori utili che non abbiamo mai conseguito e senza alcuna considerazione per i costi di produzione e di gestione sostenuti – come pretesto per non rispettare le regole previste dalla Convenzione siglata nel 2005 e che prevedono, fra le altre cose, la concessione e la gestione dei posti auto di superficie. Ebbene, oggi, dobbiamo assistere alla arbitraria sottrazione di stalli, 212 complessivi per l’esattezza, e alla sostanziale inibizione per la nostra utenza delle aree nella zona P2 in seguito alla introduzione della ZTL. In questa area infatti, l’accesso è consentito solo a chi provvisto di pass, con conseguente penalizzazione per le nostre entrate".

"Abbiamo altresì chiesto al Comune di convocare il Comitato di coordinamento, organismo preposto alla gestione delle problematiche inerenti la Convenzione, proprio per fare il punto della situazione e raggiungere una intesa superando le divergenze insorte per una migliore esecuzione del servizio, nell’interesse dei cittadini, ma non abbiamo ricevuto risposta. Lo scorso 25 ottobre abbiamo incontrato l’assessore alla Mobilità, che si è limitato ad ascoltare le nostre ragioni, ma da allora non è cambiato alcunché. Il dirigente Roberto Biondo, in poche righe, ci ha solo detto che “misure in merito al numero di posti auto in superficie potranno essere attivate solo a seguire le decisioni che l’Amministrazione Comunale maturerà, stante le note divergenze insorte in merito all’interpretazione del monitoraggio della Convenzione in oggetto". Quindi la conclusione: "Panormus2000 non può che giungere alla conclusione che il Comune decide di non decidere, commettendo abusi nei confronti del gruppo che garantisce un importante servizio alla città, strumentalizzando il contenzioso in atto per ragioni di opportunità politica, dal momento che solo pochi mesi ci separano dal rinnovo del Consiglio comunale e dalla elezione del sindaco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento