Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca Pallavicino / Viale Duca degli Abruzzi

Sconta i domiciliari nell'asilo occupato: quella Mimosa appassita a Pallavicino...

Mentre le famiglie chiedono a gran voce lo sgombero e l'avvio dei lavori di ristrutturazione nella struttura di viale Duca degli Abruzzi, viene fuori una storia paradossale. Cusimano, consigliere di circoscrizione, si ribella: "Ma chi ha autorizzato tutto questo?"

"Liberare dagli abusivi l’asilo nido La Mimosa, là dentro si scontano perfino gli arresti domiciliari...". E' l'appello lanciato da Ferdinando Cusimano, consigliere comunale della settima circoscrizione, che nelle scorse settimane aveva presentato la mozione sull'avvio dei lavori di ristrutturazione nella struttura di viale Duca degli Abruzzi, a Pallavicino. Una mozione approvata all'unanimità in Consiglio per risolvere i disagi vissuti da numerose famiglie di Pallavicino: molte di loro sono costrette a mandare i loro bambini all'asilo nido “La coccinella”, in zona Zen.

Al momento la struttura è occupata da una famiglia che - secondo alcune voci - avrebbe già la residenza allo Zen. "Là dentro c'è anche un uomo che in questo locale ha scontato gli arresti domiciliari - tuona Cusimano - l'ho scoperto facendo ulteriori richieste presso il Tribunale e l’ufficio del Patrimonio. E adesso mi chiedo: chi ha dato l'autorizzazione?". Un paradosso nel paradosso. L'abusivo ha finito di scontare la pena ma è rimasto nei locali di viale Duca degli Abruzzi.

Una Mimosa "appassita" dal 2011, quando cioè la scuola rimase chiusa per infiltrazioni d'acqua. Attualmente l'asilo è abbandonato, a distanza di sei anni e mezzo dalla prima denuncia di occupazione. Nel 2014 la Regione aveva approvato il decreto di finanziamento per la ristrutturazione dell'asilo. Si stabilì che per ristrutturare l'asilo sarebbero serviti almeno 500 mila euro. Attualmente la progettazione sta andando avanti ma i lavori non sono mai decollati. E dopo tre anni la struttura è ancora chiusa. Per i bambini, ma non per i nuovi "padroni di casa". 

cusimano-3Qualche giorno fa Cusimano (nella foto) ha inviato una nota a Leoluca Orlando, al prefetto, all’assessore alla Riqualificazione e all’assessore alle Politiche giovanili, Scuola, Lavoro e Salute, Giovanna Marano, per chiedere un intervento delle forze dell'ordine e far sgomberare l'asilo. "Questo è un annoso problema - dice Cusimano -. Gli asili nido hanno una funzione altamente sociale, in quanto integrano l’educazione del bambino a quella dei genitori. Palermo ed in particolare la settima circoscrizione, ha la necessità di asili per sostenere ed aiutare le famiglie meno abbienti. Credo fortemente nelle istituzioni, sono sicuro che con impegno e dedizione si riuscirà a liberare l’immobile ed avviare i lavori di ristrutturazione, bisogna informare la gente che occupa abusivamente gli immobili, che questo modo di operare non è legittimo e che viene perseguito e condannato, in quanto non ci si può appropriare dei beni pubblici perché si arreca un danno alla collettività e nel caso specifico si rischia la revoca del finanziamento. A Palermo c'è una forte emergenza casa, questo è un problema che andrebbe affrontato a livello nazionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sconta i domiciliari nell'asilo occupato: quella Mimosa appassita a Pallavicino...

PalermoToday è in caricamento