menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da Palermo "rispedito" a Tunisi: espulso estremista nordafricano

Il Viminale chiarisce che dopo una serie di attente indagini svolte durante il periodo di detenzione in Sicilia, è emersa l'elevata pericolosità sociale del tunisino, diventato punto di riferimento per la comunità islamica locale

Eseguita un'altra espulsione per motivi di sicurezza dello Stato. Si tratta di un cittadino tunisino, 46enne già detenuto nelle carceri siciliane: è stato rimpatriato con un volo decollato da Palermo e diretto a Tunisi. Salgono così a 136 le espulsioni dal 2015 ad oggi.

Il Viminale chiarisce che dopo una serie di attente indagini, evidenziate da diverse attività info-investigative, svolte durante il periodo di detenzione, è emersa l'elevata pericolosità sociale del tunisino che aveva rivestito il ruolo di guida e punto di riferimento per la comunità islamica locale, dove si era evidenziato per i suoi atteggiamenti ultraradicali e per i suoi contatti con altri estremisti.

Il tunisino era stato arrestato il 13 agosto 2016 in esecuzione di un provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura per violazione delle norme sul soggiorno in territorio nazionale. Durante la detenzione in carcere ha manifestato un atteggiamento di aperta opposizione nei confronti del personale della polizia penitenziaria - si aggiunge -. Il monitoraggio all'interno del carcere aveva confermato il suo ruolo di leader tra i detenuti di fede islamica e di potenziale radicalizzatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento