rotate-mobile
Cronaca

Boom di rapine in farmacia, il triste record di Palermo

A Palermo gli indici di rischio sono nettamente superiori alla media nazionale. E infatti nel capoluogo siciliano si registra l'incremento più marcato rispetto a tutte le città nazionali (+40%, 56 rapine nel 2015)

"Le rapine in farmacia sono in calo e questo risultato conferma come la collaborazione con le istituzioni sia importante per assicurare ai cittadini un servizio farmaceutico sicuro ed efficiente". E' quanto osserva Annarosa Racca, presidente di Federfarma, commentando i dati presentati dall'Ossif, l'Osservatorio intersettoriale sulla criminalità predatoria dell'Associazione banche italiane al quale partecipa anche Federfarma. Un dato (a livello nazionale) che però vede Palermo andare decisamente in controtendenza. A Palermo gli indici di rischio sono nettamente superiori alla media nazionale. E infatti nel capoluogo siciliano si registra l'incremento più marcato rispetto a tutte le città nazionali (+40%, 56 rapine nel 2015).

"La speranza è che gli indici di rischio possano diminuire magari grazie anche all'intensificazione degli accordi con le prefetture ricalcati sul protocollo firmato da Ministero dell'Interno e Federfarma. Le rilevazioni dicono che dove queste intese vengono firmate, gli effetti si fanno subito sentire", aggiunge il vicepresidente di Federfarma, Gioacchino Nicolosi, rappresentante della Federazione nel tavolo dell'Ossif. Più in generale - caso Palermo a parte - il quadro che emerge dal rapporto mostra diversi segnali di miglioramento in tutti i comparti monitorati (oltre alle farmacie anche banche, tabaccherie, distribuzione carburante, grande distribuzione, esercizi commerciali).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boom di rapine in farmacia, il triste record di Palermo

PalermoToday è in caricamento