Il sindacato Usipe chiede incontro alla società Ksm security

Settecase (Usipe vigilanza privata): "Auspichiamo una presa di coerenza da parte dell’azienda”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

I dipendenti della KSM security chiedono per conto della rappresentanza nazionale del sindacato Usipe (unione sindacale lavoratori e pensionati) un incontro urgente per risolvere e portare sul tavolo numerose problematiche e disagi che le guardie giurate sono costrette a subire nei vari distaccamenti della società di vigilanza. Tra le problematiche afferma il vice vice segretario regionale del sindacato Usipe Renato Settecase troviamo il Fondo fasiv , le deleghe del quinto , i fondi pensioni ed infine l'erogazione dello stipendio.

In quest'ultimo punto, sottolinea il dirigente regionale del sindacato che in un momento difficile di congiuntura economica per tutte le categorie lavorative, quella della vigilanza privata diventa ancora piu' difficile in quanto si sono verificati ritardi nell'ordine di una decina di giorni rispetto alla data prevista. Ono stati fatti passi in avanti che l'azienda ha fatto se guardiamo al passato , ma si potrebbe fare di piu' perchè anche dieci giorni di ritardo dello stipendio per un dipendente diventa un problema di non poco conto. Auspichiamo conclude Settecase, che l'azienda ci convochi per affrontare in condivisione e in pieno rispetto di un dialogo costruttivo nell'interesse dei lavoratori ma anche nella crescita dell'azienda nel risolvere coerentemente i disagi di ognuno di noi lavoratori.

Torna su
PalermoToday è in caricamento