rotate-mobile
Cronaca

Palermo contro la pena capitale: "Cittadinanza onoraria ad ogni condannato a morte"

L'amministrazione comunale aderisce ufficialmente alla Giornata Internazionale “Cities for Life”', in ricordo della prima legge che abolì formalmente la pena di morte

Mercoledì l’Amministrazione comunale di Palermo aderirà ufficialmente alla Giornata Internazionale “Cities for Life”', un’iniziativa organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio, in ricordo della prima legge che abolì formalmente la pena di morte, emanata dal Granducato di Toscana proprio il 30 novembre del 1786.

"Palermo si conferma, dunque, Città per la Vita e contro la pena di morte, simultaneamente a diverse località in tutto il mondo, dove saranno organizzate iniziative educative e culturali per mantenere accesi i riflettori su un tema di cruciale importanza, insieme al fenomeno della violenza diffusa in tanti contesti urbani", si legge in una nota del Comune.

Il programma cittadino, che vedrà il coinvolgimento di alcune scuole e associazioni del territorio, insieme alla Consulta delle Culture, avrà luogo nell'atrio del Palazzo delle Aquile a partire dalle ore 17.00 e si concluderà alle ore 18.00 con l’illuminazione, a cura della AMG, del prospetto del Municipio.

Il Sindaco Leoluca Orlando, che presenzierà all’illuminazione della facciata di Palazzo delle Aquile, ha sottolineato che “Palermo è città dell’accoglienza e dell’inclusione; del dialogo, della pacifica convivenza e del rispetto delle differenze. Un mosaico armonioso e multicolore dove ogni tessera, nessuna esclusa, è preziosa. In virtù di questi principi e di queste convinzioni, Palermo non può che schierarsi fermamente per l’abolizione della pena capitale in ogni angolo del pianeta e conferisce la propria cittadinanza onoraria ad ogni condannato a morte". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo contro la pena capitale: "Cittadinanza onoraria ad ogni condannato a morte"

PalermoToday è in caricamento