Salute, a palermo 31% sono presbiti, 27% miopi e 17% astigmatici

A comunicarlo è Optissimo, primaria catena di ottici in Italia con 189 negozi, in occasione del lancio di "Palermo, Capitale della vista - vedere bene è importante"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

In provincia di Palermo sono oltre 330 mila (31% del totale residenti maggiori di 14 anni) le persone che fanno uso di occhiali per la presbiopia, mentre i miopi superano i 280 mila (26,5%) e gli astigmatici sfiorano i 180 mila (16,7%). A comunicarlo è Optissimo, primaria catena di ottici in Italia con 189 negozi, in occasione del lancio di "Palermo, Capitale della vista - vedere bene è importante", la campagna di "street marketing" che ha portato ai semafori delle principali vie del centro città "lavavetri" con spazzole griffate Optissimo per aiutare gli automobilisti a "vedere meglio". I lavavetri erano presenti in via Maqueda angolo Corso Tukory, e in Piazza Giulio Cesare angolo via Roma.

La campagna, realizzata per promuovere l'apertura del dodicesimo negozio Optissimo in città, ha previsto anche la decorazione con palloncini colorati di alcuni punti strategici di Palermo. La presbiopia, anche nel palermitano, interessa più uomini (31,6%) che donne (30,5%) e soprattutto nelle fasce comprese tra 55-64 anni (60%) e 45-54 anni (48,3%). I miopi, soprattutto donne (27,9%), mediamente hanno più bisogno di occhiali correttivi tra 25 e i 34 anni (34,8%) e 18 e i 24 anni (33,1%). Si diventa astigmatici (sono più le donne 18,6%) per lo più tra 35 e 44 anni (20,7%) e 25-34 anni (19,6%). Gli ipermetropi sono il 6,9% dei residenti nella provincia, cioè circa 74 mila persone. Quelli che portano lenti a contatto sono, invece, 65 mila palermitani.

Torna su
PalermoToday è in caricamento