Nasce "Palermo al contrario", un racconto nuovo della città

E' nato Palermo al contrario, un racconto nuovo della nostra città, delle cose che vorremmo andassero al contrario, delle cose che cominciano finalmente ad andare al contrario e delle cose che vanno al contrario solo a Palermo ed è bello così.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

E' nato "Palermo al contrario", un racconto nuovo della nostra città, delle cose che vorremmo andassero al contrario, delle cose che cominciano finalmente ad andare al contrario e delle cose che vanno al contrario solo a Palermo ed è bello così. Siamo: Isabella Musacchia, Dario Castagnetti, Eliana Messineo, Stefano La Barbera, Gaetano Lombardo, Fabrizio Pedone, Roberta Calderone, Gabriele Pedone, Roberto Ragonese, Marco Faldetta, Maria Antonietta la Barbera, Giulio Di Chiara, Gaetano Crivello e Marco Spitalieri. Siamo un gruppo di palermitani, alcuni residenti a Palermo, altri emigrati, altri ancora ritornati o con il trolley sempre pronto nell'ingresso. Abbiamo storie diverse ma abbiamo la stessa identica voglia di incoraggiare la nostra città e siamo molto emozionati e felici di lavorare insieme. La musa ispiratrice di Palermo al contrario è Momo, un polpo tenero, onesto e ambientalista. Il contrario della terribile piovra. Il suo nome d'origine è Mohamed ed è un polpicello arrivato dalle vicine acque africane. Un giorno incontra un pescatore palermitano in apnea, armato di fiocina. Mohamed lo fissa per alcuni secondi, poi lo disarma abbracciandolo. Nell'abbraccio, il pescatore sente battere i tre cuori e capisce di volere cambiare vita. Così smette di pescare e diventa un appassionato biologo marino. Questa è la leggenda di Mohamed, soprannominato Momo dai palermitani e Momò a San Lorenzo. Momo, che come ogni polpo ha tre cuori, è l'unico capace di dare con un suo abbraccio, la forza di cambiare a ogni palermitano. Perché anche i palermitani hanno tre cuori: uno nel petto, uno nella testa e uno nella pancia. Se solo battessero tutti e tre insieme. Se volete conoscerci Il 27 pomeriggio a San Lorenzo Mercato siete invitati a giocare una tombola un po' particolare che al posto dei numeri ha le cose e i luoghi della nostra città. Cose nuove e fatte bene come SanLorenzo Mercato (53), cose della tradizione palermitana come l'attraversamento della strada in diagonale (15), auspici per il futuro come i posteggiatori abusivi davanti all'ufficio di collocamento (78), immagini mitologiche come il Leone Ciccio dello zoo di Villa Giulia (22) e il nuovo arrivato Momo, il polpicello all'insù (8). Ma quindi non ci sono numeri? Qualcuno c'è, come CinGuanta e quaRtordici. Sarà una tombolata di famiglia un po' sbrechis (69). E ci saranno abbracci per tutti. La tombola è gratuita. Per info palermoalcontrario@gmail.com E se volete seguiteci, aiutateci, migliorateci www.palermoalcontrario.com

Torna su
PalermoToday è in caricamento