Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Capo, nasce il primo primo "parlatorio sociale" della Sicilia

All'interno dell'antico mercato popolare del Capo, alle spalle del Tribunale antimafia di Palermo, in via Cappuccinelle 51, Venerdì 12 giugno 2015 alle ore 18:30, l'Associazione culturale “Il Movimento Libera Rappresentanza”, inaugurerà il primo parlatorio sociale nel capoluogo siciliano. Il Presidente – Girolamo Foti – dichiara: abbiamo pensato di creare un luogo di libero scambio di idee, aperto a tutti i cittadini – prosegue FOTI – ogni giorno dal lunedì al venerdì dalle ore 10:30 alle ore 13:30 tutti i cittadini possono usufruire gratuitamente del nostro locale per leggere un buon libro, messi a disposizione dall'Associazione. Nel pomeriggio ogni giorno dalle ore 17:30 alle 19:30 i nostri “cittadini volontari” ascolteranno ed offriranno consulenza gratuita ai cittadini.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

All'interno dell'antico mercato popolare del Capo, alle spalle del Tribunale antimafia di Palermo, in via Cappuccinelle 51, benerdì 12 giugno 2015 alle ore 18.30, l'Associazione culturale "Il Movimento Libera Rappresentanza", inaugurerà il primo parlatorio sociale nel capoluogo siciliano. Il presidente Girolamo Foti: "Abbiamo pensato di creare un luogo di libero scambio di idee, aperto a tutti i cittadini ogni giorno dal lunedì al venerdì dalle ore 10,30 alle ore 13,30 tutti i cittadini possono usufruire gratuitamente del nostro locale per leggere un buon libro, messi a disposizione dall'associazione. Ogni giorno, dalle ore 17,30 alle 19,30, i nostri volontari ascolteranno ed offriranno consulenza gratuita ai cittadini".

Hanno aderito all'iniziativa del "Parlatorio Sociale": Mimmo La Mantia (nutrizionista), Francesco Pandolfi (consulente legale dell'associazione), l'avvocato Filippo De Luca, Giovanni Menni (farmacista), Barbara Lo Fermo (Fotografa), Maria Sciacchitano (impiegata), Alfonso Gagliardo (Artista), Mohamed Matholuoiti (libero professionista), Salvatore Lavardera (Commerciante), Pietro Fiorito (commerciante) Alberto Stassi (impiegato). Gli organizzatori dell'evento sono: Francesco Damasco (direttore), Salvatore Spinelli, Andrea Massaro, Lino Romeo eStefan Nicolae.

"La nostra associazione - prosegue Foti - ha già svolto diverse iniziative sociali a Palermo dall'inizio dell'anno ad oggi, le nostre attività sono autofinanziate dai soci dell'associazione, ma ci tengo a sottolineare che noi de "Il Movimento Libera Rappresentanza" - conclude - non riceviamo finanziamenti pubblici o privati. Non intendiamo far politica, vogliamo semplicemente essere attivi nella società. Faremo la nostra parte in questo paese ammalato, ferito dal malaffare, dalla malapolitica, dove cresce ogni giorno l'arroganza e la prepotenza di certi datori di lavoro, di pessimi dirigenti, che calpestano senza un minimo di pudore i diritti dei lavoratori del privato oppure dello Stato, dove al Sud i giovani perdono ogni speranza di farsi un avvenire".

Dal Capo nasce il nostro sogno, ma soprattutto e "resistenza" contro il degrado dell'antico mercato. Siamo solo all'inizio, il nostro scopo sarà quello di aprire 100 "Parlatori sociali" in 100 comuni d'Italia entro la fine del 2015. Per maggiori informazioni CLICCA QUI.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capo, nasce il primo primo "parlatorio sociale" della Sicilia

PalermoToday è in caricamento