rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Coronavirus

Sfondata quota 100 mila positivi da inizio pandemia, quasi un palermitano su 10 ha avuto il Covid

Sono 100.082 i contagi dal febbraio 2020 in città e in provincia. La curva ha avuto un'impennata dalla scoperta della variante Omicron, con oltre 11 mila casi in tre settimane

Uno, qualcuno e… centomila positivi al coronavirus. Palermo supera una soglia numericamente simbolica a ormai quasi due anni dall’inizio della pandemia. Dopo il bollettino di oggi, sono 100.082 le persone contagiate tra il capoluogo e la provincia da febbraio 2020. Si è ormai a un passo dal poter dire che, in media, al netto delle reinfezioni, un palermitano ogni 10 ha avuto il Covid, tenendo conto del fatto che sono un milione e 250 mila gli abitanti dell’area metropolitana.

Come accaduto in diverse parti del mondo, anche a Palermo, dalla scoperta del primo caso di variante Omicron, lo scorso 13 dicembre, la curva dei contagi ha avuto un’impennata. Da quel giorno, sono stati 11.249 i tamponi risultati positivi. Record su record, col picco dei 1.595 del primo gennaio. Dati che confermano come l’ultima mutazione si diffonda molto più facilmente rispetto alla Delta e alle precedenti forme della Sars-Cov-2.

In Sicilia 4.384 nuovi casi in 24 ore: +136,6% in una settimana

Una caratteristica che però, secondo quanto spiegato da Renato Costa, commissario straordinario per l’emergenza Covid a Palermo, potrebbe rappresentare una svolta importante dal punto di vista epidemiologico. Sul totale dei casi "a Palermo la variante Omicron dovrebbe essere arrivata oltre il 70%”, ha detto Costa, citando il Cqrc, il laboratorio del Centro controllo qualità e rischio della Regione, che si occupa dei sequenziamenti del genoma del virus. “Questa - ha aggiunto il commissario per l’emergenza Covid - è una buona notizia: la variante Omicron è sicuramente molto più diffusiva delle precedenti, ma è anche vero che in un filamento dell’Rna somiglia sempre di più a un raffreddore e come tale è meno aggressiva dal punto di vista clinico. Se ciò verrà confermato successivamente, è probabile che ci stiamo avviando verso una trasformazione della pandemia in una condizione endemica". In altre parole: il virus potrebbe continuare a correre, ma allo stesso tempo diventare meno violento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondata quota 100 mila positivi da inizio pandemia, quasi un palermitano su 10 ha avuto il Covid

PalermoToday è in caricamento