Cronaca Termini Imerese

All'ospedale di Termini riapre il reparto Covid, il sindaco: "La Regione ci dia dati aggiornati"

Il primo cittadino Maria Terranova spiega che la decisione è conseguenza dell'incremento dei contagi nell'intera Sicilia, anche se il comune non rientra tra quelli con le maggiori restrizioni. Ai cittadini dice: "Vacciniamoci tutti e subito"

Riapre i battenti il reparto Covid dell'ospedale di Termini Imerese. A ufficializzare la decisione è il sindaco, Maria Terranova. "Presso il nostro ospedale civico - scrive il primo cittadino su Facebook - riaprirà il reparto Covid che ospiterà i malati affetti da infezione da Coronovirus che necessitano di terapie ordinarie e subintensive che non possono essere praticate a domicilio. La Medicina del nostro nosocomio ospiterà al quarto piano il centro Covid e al secondo piano le degenze di malati affetti da patologie mediche non Covid".

Il sindaco spiega che la nuova rimodulazione" è stata decisa dalle autorità sanitarie" e "risponde alla necessità di ospedalizzazione derivante dal crescente numero di casi che sta interessando tutto il territorio nazionale e la Regione Siciliana in particolare".

maria terranova-4Terranova precisa che il territorio di Termini Imerese "in base al criterio della percentuale di soggetti immunizzati (vaccinati) e numero di nuovi positivi settimanali, rilevati tra il 13 e il 19 agosto (in riduzione), non rientra tra i Comuni cui applicare misure più 
restrittive per il contenimento" previste dall'ultima ordinanza regionale. "Ma non per questo siamo fuori pericolo, anzi!"

Terranova non nasconde preoccupazione. "Perché - spiega - l'andamento della curva epidemica nella nostra regione è in rapida ascesa e ha quasi raggiunto il picco della stagione primaverile scorsa. E poi perchè le autorità sanitarie regionali e il dipartimento di prevenzione non comunicano, con regolarità, i dati aggiornati del nostro Distretto 37 relativi a attuali positivi, quarantene da tracciamento, ricoveri e (speriamo mai) deceduti. Per questo motivo abbiamo inviato una nota alle sedi e agli organi competenti senza aver ricevuto, ad oggi, nessuna risposta, condividendo con gli altri Sindaci del distretto la necessità di un'azione comune. Ribadiamo - scrive - che l'accentramento, a Palermo, dell'Usca e dei relativi servizi finalizzati alla diagnosi, al controllo dei positivi e al monitoraggio dei contatti e l'assenza, nel nostro territorio distrettuale, di punti in cui effettuare gratuitamente tamponi antigenici ci lascia molto perplessi sulla veridicità dei dati a nostra disposizione (verosimilmente sottostimati) e sulle possibilità di controllo delle nostre strutture distrettuali periferiche. La mancata conoscenza di dati certi da parte della popolazione e una certa resistenza nei confronti della vaccinazione non ci fa ben sperare. Sembra quasi una resa". "Non ci resta - conclude il sindaco - che vaccinarci tutti e subito, prima dell'inizio della nuova stagione scolastica. Noi continueremo a far sentire con forza la nostra voce in tutte le sedi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

All'ospedale di Termini riapre il reparto Covid, il sindaco: "La Regione ci dia dati aggiornati"

PalermoToday è in caricamento