Cronaca Cefalù

Incidente d'auto per infermiera del Giglio: "Turni estenuanti espongono lavoratori a seri rischi"

L'allarme lanciato dalla segreteria aziendale della Fials che commenta la vicenda che ha visto coinvolta una donna che aveva lasciato il turno di lavoro all’ospedale di Cefalù. La replica del nosocomio: "Non ci sono turni al di fuori delle regole contrattuali"

“Da tempo denunciamo turni insostenibili che incidono e si ripercuotono sulla salute dei dipendenti. Riteniamo che sia fondamentale e urgente intervenire per ridurre i rischi a cui è esposto il personale sanitario”. Lo scrive in una nota la segreteria aziendale della Fials commentando l’incidente d’auto in cui è stata coinvolta una infermiera, che aveva lasciato il turno di lavoro all’ospedale Giglio di Cefalù.

“Ci siamo subito messi in contatto con la collega – dice Giuseppe Angiletti, segretario aziendale Fials – purtroppo la situazione che si è venuta a creare possiamo definirla insostenibile. Riceviamo quotidianamente segnalazioni da parte dei dipendenti, medici, infermieri, operatori sanitari ridotti allo stremo e preoccupati per le ripercussioni psicologiche che si determinano in tale situazione. Turni stressanti, prolungati, che a volte sarebbero in violazione delle norme e del contratto. Tutto questo non è più tollerabile. Le regole sono chiare, ad esempio non si può lavorare più di 12 ore continuative al giorno. Turni organizzati senza regole espongono i lavoratori a tanti pericoli, non ultimi quello del contagio al covid con rischi correlati. Finito il lavoro, convinti di tornare a casa, ci si avvia per tornare nel primo ospedale utile al soccorso".

La replica del Giglio

"Non ci sono turni estenuati e al di fuori delle regole contrattuali per il personale sanitario della Fondazione Giglio di Cefalù”. Lo afferma la direzione strategica della Fondazione Giglio smentendo le affermazioni del segretario aziendale della Fials “del tutto prive di fondamento”, ribadiscono. “Per cui – aggiunge la direzione strategica – procederemo a tutela dell’immagine della Fondazione nelle sedi opportune”.

In merito all’infermiera coinvolta nell’incidente stradale, al termine del turno di lavoro, la Fondazione sottolinea “che l’infermiera, a cui viene augurata una pronta guarigione, non veniva da alcun doppio turno ma che aveva lavorato dalle 7 alle 14 e che nella settimana aveva svolto regolari 36 ore di servizio e goduto, in questo mese, di una settimana di ferie”.  

Articolo aggiornato il 22 febbraio 2021 alle ore 16,25 // Inserita replica del nosocomio

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente d'auto per infermiera del Giglio: "Turni estenuanti espongono lavoratori a seri rischi"

PalermoToday è in caricamento