Ospedale Civico, la Fials: "Parcheggio deserto ma vietato ai dipendenti"

Il sindacato chiede che ai lavoratori del nosocomio sia permesso di accedere all'area dell’ex Oncologia: "Gli uffici non hanno fatto prevalere il buonsenso e le esigenze di servizio rispetto al diniego ostinato della ditta che la gestisce"

Il parcheggio dell’ex Oncologia dell’ospedale Civico non può essere utilizzato dai dipendenti. Risultato: mentre l’area è totalmente vuota, i dipendenti sono costretti a percorrere circa 500 metri sotto il sole per prendere servizio parcheggiando molto più avanti. Lo denuncia la Fials che segnala anche "gravi problemi di sicurezza nelle ore notturne che si aggiungono ai disagi nell’attività lavorativa".

"Pensiamo a chi opera in urgenza e in regime di reperibilità – dice Mario Di Salvo, segretario aziendale Fials - e ha estrema necessità di non sprecare tempo a beneficio del paziente. È costretto a parcheggiare lontano per poi trovarsi un’area totalmente vuota. Questo perché gli uffici – spiega la Fials - non hanno fatto prevalere il buonsenso e le esigenze di servizio rispetto al diniego ostinato della ditta che gestisce il parcheggio. E così quanto avevamo segnalato alla precedente amministrazione si è puntualmente verificato. Dopo 4 anni di parcheggio vuoto o semivuoto, non è forse il caso di consentire almeno ai dipendenti di poter parcheggiare?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento