Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Sperone / Via Messina Marine

Al Buccheri risonanza magnetica nucleare e mammografo di ultima generazione

Entreranno in funzione presso l'unità operativa di Radiologia, dove sono anche stati ammodernati alcuni ambienti. I nuovi macchinari permetteranno di eseguire accertamenti diagnostici sempre più accurati

Nuove attrezzature e locali messi a nuovo per l'unità operativa di Radiologia dell'ospedale Buccheri La Ferla. Nel reparto diretto da Domenico Grisafi entreranno in funzione una risonanza magnetica nucleare e un mammografo completamente digitale. Inoltre sono state ammodernati e creati nuovi ambienti e percorsi per le sale d'attesa destinate ai pazienti.

L'inaugurazione è prevista per l'8 marzo, in occasione della solennità di San Giovanni di Dio, Fondatore dei Fatebenefratelli, patrono dei malati, degli operatori sanitari e degli ospedali. Alle 11 nella Chiesa Madonna delle Lacrime dell’ospedale, rispettando tutte le norme di distanziamento sociale previste dal momento, verrà celebrata la Messa presieduta dal parroco di San Giovanni Bosco, don Giuseppe Calderone. 

La risonanza magnetica di ultima generazione è un'apparecchiatura chiusa, a magnete (il cuore della macchina) corto. Il sistema è dotato di un campo magnetico 1,5 Tesla (unità di misura) attivamente schermato, che consente di effettuare tutti i tipi di esame sia con sia senza mezzo di contrasto. "Grazie al nuovo macchinario - spiega Grisafi - si accrescerà ulteriormente la qualità e la quantità delle prestazioni di questa diagnostica e sarà potenziata sensibilmente l’offerta sul territorio. I nostri pazienti oltre alle competenze degli specialisti, potranno essere sottoposti ad esami molto sofisticati quali: lo studio multiparametrico della prostata, degli organi addominali con la metodica della diffusione, lo studio più accurato delle patologie mammarie in riferimento al planning preoperatorio per escludere multicentricità e multifocalità nei tumori localmente avanzati e per ottemperare alle linee guida nelle donne con mutazione genetica e soprattutto lo studio del muscolo cardiaco e delle patologie ad esso correlato. Inoltre, il nuovo mammografo interamente digitale offrirà la possibilità di effettuare esami in 3d (tomosintesi) e quindi l'opportunità di eseguire nelle donne appartenenti alla fascia dai 45 ai 49 anni con seno denso, diagnosi di patologia mammaria sempre più precoce anche in assenza di evidenza clinica".

Alla fine della celebrazione religiosa, nei locali dell'aula polifunzionale sarà possibile visitare una mostra dedicata alla "Colonnella di Romagnolo", monumento fatto erigere nel 1790 dal senatore della città Corradino Romagnolo. Nel 1969 il Comune affidò all'ospedale la cura e la manutenzione del complesso votivo. Infine, verrà benedetto un murale che riproduce l'affresco raffigurante S.Giovanni di Dio di Pietro Novelli, particolare della sala di degenza dell'ospedale S.Pietro in Vinculis, oggi sede del liceo Benedetto Croce a Ballarò.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al Buccheri risonanza magnetica nucleare e mammografo di ultima generazione

PalermoToday è in caricamento