menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I terreni per l'orto sociale

I terreni per l'orto sociale

A Petralia Soprana nascerà un orto sociale: "Terreni comunali affidati ai cittadini"

La Giunta ha approva il progetto “Coltiviamo insieme”. Lo scopo è sostenere alcune categorie sociali più deboli che possono integrare il proprio reddito attraverso l’approvvigionamento diretto di alcune derrate alimentari e allo stesso tempo riqualificare un’area non utilizzata

A Petralia Soprana nascerà un orto sociale: la giunta municipale ha approvato il progetto “Coltiviamo insieme” con il quale intende affidare gratuitamente degli appezzamenti di terreni comunali nei quali potere realizzare dei veri e propri orti. Lo scopo è sostenere alcune categorie sociali più deboli che possono integrare il proprio reddito attraverso l’approvvigionamento diretto di alcune derrate alimentari e allo stesso tempo riqualificare un’area non utilizzata. Si vuole inoltre agevolare l’impiego del tempo libero e contestualmente favorire la diffusione e la valorizzazione di un sano stile di vita.

“L’orto sociale - – afferma il sindaco Pietro Macaluso - è un progetto ambizioso legato alla sua funzione educativa, civica ed etica. L’orto, nella sua semplicità, non ha mai perso il suo fascino perché esprime il legame con la natura e con i prodotti della terra nell’ottica di uno stile di vita sano che è uno degli elementi distintivi del nostro borgo più bello d’Italia. Questo progetto è un altro punto del nostro programma elettorale che viene definito”.  

“Per la realizzazione dell’orto - afferma il consigliere comunale Damiano Macaluso che ha seguito tutto l’iter – abbiamo individuato dei terreni di proprietà comunale in una zona facilmente accessibile, limitrofa al centro storico, servita da una strada comunale carrabile in terra battuta. L’obiettivo infatti è anche quello di recuperare e migliorare un’area non utilizzata che ritornerà a vivere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento