menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tartarughe a Sant'Erasmo, Orlando libera Enzo e Carmelina

Il sindaco ha liberato due esemplari di Caretta Caretta, che erano stati recuperati nelle acque antistanti all'isola di Ustica, uno, e nel mare di Licata, l'altro

Il sindaco Leoluca Orlando dopo aver fatto visita al centro di referenza nazionale per la riabilitazione delle tartarughe che sorgerà nei locali dell'Istituto Padre Messina, nel porticciolo di Sant'Erasmo, ha liberato due esemplari di Caretta Caretta, che erano stati recuperati nelle acque antistanti all'isola di Ustica, uno, e nel mare di Licata, l'altro.

Le due tartarughe, che sono state chiamate Carmelina ed Enzo, sono state restituite al mare dopo le cure ricevute presso l'Istituto Zooprofilattico di Palermo. All'iniziativa hanno preso parte anche il direttore sanitario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia, Santo Caracappa, il governatore del Distretto Rotary 2110 Sicilia - Malta, Nunzio Scibilia, che collabora con l'Istituto, altre rappresentanze del Rotary, i ragazzi di YouDive Club, quelli del laboratorio verde di FareAmbiente e il personale dell'Istituto Zooprofilattico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento